STUDI • MARIANO TOMATIS ANTONIONO

TORNA ALL'INDICE

Il Sacro Graal dei Peanuts: come riempire gli spazi vuoti?

EDITORIALE • LUGLIO 2006

Editoriale tratto da Indagini su Rennes-le-Château 2 (2006) - Sono 17.897 le strisce dei Peanuts che nella sua lunga carriera Charles Schultz scrisse e disegnò in oltre cinquant'anni. La quasi totalità è stata pazientemente classificata ed archiviata dalla Charles M. Schultz Creative Associates, che ha provveduto ad un attento recupero di vecchi quotidiani e al meticoloso restauro delle immagini ormai logorate dal tempo.

Una striscia, però, mancava all'appello. Come scrivevano gli editori dell'opera The Complete Peanuts: 1953-1954, "almeno una striscia sembra essere parzialmente 'perduta'. […] La striscia del 3 maggio 1953 rappresenta il Sacro Graal delle strisce dei Peanuts". I numerologi potevano andare a nozze con una notizia del genere: la data del 3 maggio '53 si scrive, negli Stati Uniti, 5.3.53, e la striscia in questione era stata pubblicata a pagina 53 del Chicago Tribune (in italiano, inoltre, San Graal è costituito da 3 e 5 lettere).

Per non lasciare uno spazio vuoto, i curatori della ristampa integrale dell'opera di Schultz (ora disponibile per l'editrice italiana Panini Comics) incaricarono Seth, il designer della casa editrice, di completare la vignetta reinventando i primi due riquadri:

Nel luglio 2005 la Fantagraphics annunciò il ritrovamento del Graal, e nell’edizione italiana la striscia fu pubblicata così come era stata disegnata da Schultz. Ecco come apparivano i primi due riquadri nella vignetta originale:

A volte è rischioso semplificare troppo la ricostruzione del Passato.

© 2017 Mariano Tomatis Antoniono