Forum di discussione del Gruppo di Studio e Documentazione

Oggi è 15 settembre 2019, 2:18 pm




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
 IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA" 
Autore Messaggio

Iscritto il: 20 maggio 2009, 1:09 pm
Messaggi: 194
Messaggio IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
E' in via di microfilmatura e traduzione dal latino il raro MEROVEA di Jacopo Zabarella, edito a Padova nel 1660.
Il testo di studi genealogici scritto in onore della famiglia Collalto, alla quale Zabarella era legato per rapporto matrimoniale, fa discendere alcune famiglie nobili tedesche ed italiane dai Merovingi.
Tra queste sono da ricordare gli Hohenzollern ( citati pure indipendentemente da Baigent, Leigh e Lincoln nella riedizione del loro bestseller IL SANTO GRAAL) e i Collalto, nei cui feudi si trovavano le chiese di S. Lucia di Piave e di Tempio di Ormelle.
Va pure ricordata la famosa famiglia romano-veneziana dei Colonna alla quale appartenne Francesco Colonna, fortunato autore dell' HYPNEROTOMACHIA POLIPHILI, testo ermetico divenuto secondo molti autori, vera e propria "bibbia" della società segreta BROUILLARD spesso associata al mistero di Rennes le Chateau.


Allegati:
MEROVEA.jpg
MEROVEA.jpg [ 181.9 KiB | Osservato 7310 volte ]
20032008532.jpg
20032008532.jpg [ 163.86 KiB | Osservato 7312 volte ]
6 giugno 2009, 5:46 pm
Profilo

Iscritto il: 17 giugno 2004, 12:18 am
Messaggi: 3002
Località: Torino
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Marcuzio Isauro ha scritto:
spesso associata al mistero di Rennes le Chateau.

Da chi, ad esempio?

_________________
Mariano Tomatis Antoniono


6 giugno 2009, 6:38 pm
Profilo WWW

Iscritto il: 6 aprile 2009, 5:42 pm
Messaggi: 186
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
esempio da Jean Robin in "Le Royaume du Graal"


6 giugno 2009, 6:48 pm
Profilo

Iscritto il: 17 giugno 2004, 12:18 am
Messaggi: 3002
Località: Torino
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Ce l'ho. Cosa dice in proposito?

_________________
Mariano Tomatis Antoniono


6 giugno 2009, 7:43 pm
Profilo WWW

Iscritto il: 6 aprile 2009, 5:42 pm
Messaggi: 186
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
molti posseggono libri ma ancora debbono leggerli. :D :D Scherzo!!
Se ricordo bene Robin collega la frase Et in Arcadia Ego alla società segreta Brouillard che in seguito prese la denominazione di Angelique.
Quindi dire "spesso associata..." credo che non sia tanto sbagliato anche perchè non solo Robin ipotizza una cosa del genere.


6 giugno 2009, 8:05 pm
Profilo

Iscritto il: 17 giugno 2004, 12:18 am
Messaggi: 3002
Località: Torino
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Ne parla anche Sabina Marineo "Et in Arcadia… - Le nebbie del Brouillard e il mistero alla luce del giorno" IRLC 18 (2007) pp.893-898
http://www.renneslechateau.it/rennes-le-chateau.php?sezione=indagini&id=abstract&l=it&article=18x893-898.txt

Il problema con "Et in Arcadia ego" è che verrà associata a RLC soltanto negli Anni Sessanta del XX secolo.

_________________
Mariano Tomatis Antoniono


6 giugno 2009, 9:17 pm
Profilo WWW

Iscritto il: 20 maggio 2009, 1:09 pm
Messaggi: 194
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Lo stesso Mariano Bizzarri, eminente oncologo e professore universitario ( quindi avezzo ad affermazioni ponderate, possibilmente surrogate da prove e ulteriori sicure citazioni bibliografiche....anche, se per me, la ricerca storica e iconografia non sono scienze esatte come altrettanto non lo è la medicina) si è espresso in questi termini nei suoi due libri ( cfr. p.e. pag 106 del suo secondo testo).
Non peregrina sembra poi pure la citazione di Michel Lamy in molte pagine del suo "Jules Verne e l' esoterismo", testo che sebbene vecchiotto ha ancora molti estimatori specie all' estero.
Naturalmente l' accostare le Brouillard al mistero di RLC non vuol dire accostarla direttamente a Sauniere, bensì a tutti gli altri letterati e artisti che, come ipotesi di lavoro, sono in qualche modo avvicinabili al complicato "affaire".
E sottolineo la frase......COME IPOTESI DI LAVORO...per non irritare troppo la sensibilità mediatrice di Mariano!


6 giugno 2009, 9:33 pm
Profilo

Iscritto il: 24 maggio 2005, 8:18 am
Messaggi: 698
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Marcuzio Isauro ha scritto:
E' in via di microfilmatura e traduzione dal latino il raro MEROVEA di Jacopo Zabarella, edito a Padova nel 1660.
Il testo di studi genealogici scritto in onore della famiglia Collalto, alla quale Zabarella era legato per rapporto matrimoniale, fa discendere alcune famiglie nobili tedesche ed italiane dai Merovingi.

In quell'epoca molte famiglie di recente nobiltà cercavano di nobilitarsi ulteriormente affidando a genealogisti di corte la ricerca di improbabili ascendenze nell'antichità o in altre famiglie di maggiore fama e lignaggio.
A questo proposito consiglio la lettura di
Roberto Bizzocchi, Genealogie incredibili, scritti di storia nell’Europa moderna, Bologna 1995.

Questo è un brano di un mio studio in cui cito quel testo in relazione ai Bianchi e ai Boiardo:

Molto spesso infatti le famiglie potenti dell’epoca, incuranti della fondatezza o meno delle loro pretese, cercavano artificiose ascendenze nell’antichità per nobilitare ulteriormente le proprie origini, aiutati in questo da accondiscendenti storici di corte come Ceccarelli, Sansovino, Annio da Viterbo, che letteralmente inventavano “genealogie incredibili”. Gli Estensi ad esempio affermavano di discendere, attraverso Ruggiero, da Astianatte, figlio di Ettore di Troia, gli Orsini dalla gens Flavia, i Massimo dalla gens Fabia, Luigi XII di Francia (e quindi i Capetingi-Borboni) addirittura riuscivano a risalire fino a Noè. Questa doveva essere una consuetudine diffusa anche nell’antichità se già Tito Livio metteva in guardia dalle manipolazioni familiari della tradizione: «Credo che la storia sia stata alterata dagli elogi funebri e dalla falsità delle iscrizioni poste sotto i ritratti, impegnata come è ciascuna famiglia ad attribuire a sé la fama delle imprese compiute e dalle cariche ricoperte, per il fascino che esercita la menzogna.» (8.40. 4-5. trad. M. Scandola). Lo stesso Gamurrini, che pure segnala la discendenza dei Bianchi da Sergello, nella prefazione della sua opera scrive che altri studiosi «nel trattare dell’origine delle famiglie hanno ciò fatto senza vero fondamento di prova. Altri l’hanno inventata, altri resola per troppo affetto favolosa; il che ha apportato non poco pregiudizio a quelle famiglie, le quali per se stesse non hanno bisogno di simili chimere, essendo per se medesime illustri, e risplendenti. Il Ceccherelli, il Sansovino, e molt’altri, dirò così, adulatori smaccati sono l’unico esempio di tale disordine».

"Merovea" è consultabile in due biblioteche: Biblioteca nazionale centrale - Firenze e Biblioteca nazionale Marciana - Venezia http://tinyurl.com/merovea

------------------------------------------
P.S: Non riesci a inviare foto di dimensioni minori (max 700/800 pixel di base) e più nitide?
Queste foto enormi provocano un allargamento della pagina del forum che impedisce la lettura corretta dei messaggi. Inoltre anche queste foto sono come al solito sfocate.


6 giugno 2009, 11:11 pm
Profilo WWW

Iscritto il: 24 maggio 2005, 8:18 am
Messaggi: 698
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Marcuzio Isauro ha scritto:
Lo stesso Mariano Bizzarri, eminente oncologo e professore universitario ( quindi avezzo ad affermazioni ponderate, possibilmente surrogate da prove e ulteriori sicure citazioni bibliografiche....anche, se per me, la ricerca storica e iconografia non sono scienze esatte come altrettanto non lo è la medicina) si è espresso in questi termini nei suoi due libri ( cfr. p.e. pag 106 del suo secondo testo).

Bizzarri è tanto attento alle "sicure citazioni bibliografiche" da sbagliare nel descrivere l'Hypnerotomachia Poliphili (ho l'edizione Adelphi in due volumi, e qualche anno fa ho libidinosamente consultato un esemplare dell'edizione originale del 1499 presso la Biblioteca Estense di Modena).

Secondo Bizzarri infatti
«Il testo tratta di una sorta di "iniziazione" a rovescio in cui il protagonista - Polia - viene iniziato dal Dragone - il guardiano della soglia - per intraprendere poi un viaggio che, dalle regioni infernali, popolate di pipistrelli, lo porterà in una sorta di paradiso terrestre...» (M. Bizzarri, Rennes-le-Chateau, dal vangelo perduto dei Cainiti alle sette segrete, pag. 106)

Polia non è il protagonista, che è invece Polifilo. Polia è la donna amata che appare durante il viaggio, una specie di Beatrice dantesca che poi alla fine si dissolve mentre Polifilo si risveglia dal sogno.

Potremmo pensare ad un refuso, ovvero che al posto di Polia Bizzarri volesse scrivere Polifilo, ma poche righe dopo insiste: «Il fatto che il testo abbia per protagonista una donna spiega del resto a sufficienza ciò cui vogliamo alludere in questa sede.»
No, il protagonista, che narra in prima persona, è un uomo, Polifilo, che non viene neppure "iniziato" dal Dragone perché alla vista del terribile mostro (che come in ogni favola che si rispetti sputa fuoco e fiamme) fugge precipitosamente per il terrore.

http://mitpress.mit.edu/e-books/HP/hyp000.htm
http://special.lib.gla.ac.uk/exhibns/month/feb2004.html
http://www.liberliber.it/biblioteca/c/c ... pner_p.pdf


7 giugno 2009, 12:03 am
Profilo WWW

Iscritto il: 23 giugno 2004, 12:00 pm
Messaggi: 897
Località: Monaco, Germany
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Grazie Mariano per aver segnalato il mio articolo. Consiglio davvero agli interessati del tema Arcadia/Rennes di leggerlo. La ricerca ha portato frutti interessanti. :wink:

Clio

_________________
...e il tempio del Graal aveva la forma splendente di un ottagono...


10 giugno 2009, 5:23 pm
Profilo WWW

Iscritto il: 6 aprile 2009, 5:42 pm
Messaggi: 186
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
un bell'articolo Clio, complimenti!! Grazie Mariano


10 giugno 2009, 10:01 pm
Profilo

Iscritto il: 21 giugno 2004, 5:52 pm
Messaggi: 1304
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
A proposito dell’Angélique, bisogna notare almeno due cose.

Dapprincipio, ovvero dalle prime esegesi del Settecento, è una accolita di letterati di Lione, dai fini manifesti e dall’esistenza breve e quasi scevra di tracce documentali, esistita a cavallo fra il '400 e il '500.

Come «società segreta», se ne è parlato dall’Ottocento. I sedicenti «esoteristi» come Grasset d’Orcet ne hanno fatto l’uzzolo delle loro (facilmente immaginabili) affabulazioni. Come «società segreta», se ne è parlato ancora, in sordina, durante il risveglio, sedicente «esoterico», degli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso. È negli anni Ottanta che Jean Robin, con il suo libro Opération Orth, collega per la prima volta la «società segreta» a Rennes.

Nella migliore delle ipotesi, i rennologisti che parlano di Società Angelica non sanno di che cosa stanno parlando, come non sapevano di che cosa stessero parlando gli «esoteristi» degli anni Cinquanta e dell’Ottocento. È stato un mero tira e molla, un copiare e ricopiare e copiare ancora lo stesso oggetto, via via sempre piú “distorto”.
Non solo non c’è uno straccio di prova che la Società Angelica fosse una «società segreta» - lo dimostra il fatto che abbiamo una lettera dell’epoca dove sono descritte le sue “attività”, tutt’altro che oscure e poco chiare, ed enumerati i suoi membri -, ma non c’è uno straccio di prova che sia sopravvissuta oltre il Cinquecento - epoca, appunto, in cui esistette davvero -, che c’entri con Rennes, che la sua Bibbia fosse il Polifilo, che il suo ‘motto’ fosse “Et in Arcadia ego”, che ne fossero membri i soliti scrittori, Verne e Leblanc, e cosí via.

_________________
«Ehi, di’ un po’: c'è forse un tesoro nella casa accanto?».
«Come!?… Ma se non c’è nessuna casa!».
«Bene; e allora?… Costruiamola!».
Marx (i fratelli).


11 giugno 2009, 6:53 am
Profilo

Iscritto il: 17 giugno 2004, 12:18 am
Messaggi: 3002
Località: Torino
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
...non per niente Alfred le ha dedicato un ottimo articolo pubblicato qui:
http://www.renneslechateau.it/rennes-le-chateau.php?sezione=indagini&id=abstract&l=it&article=11x538-548.txt

Indagini su Rennes-le-Château 11 (2007), pp.538-548

Alessandro Lorenzoni
Lo strano caso della Società Angelica
Una società talmente segreta da non esistere

La Società Angelica, spesso citata in relazione all’omicidio di don Antoine Gélis per via del biglietto ritrovato accanto al suo cadavere (“Viva Angelina”), ha una storia letteraria brevissima: viene citata (e neppure per nome) per un’unica volta da Humbert Fournier in una lettera datata 1506, e descritta come un circolo letterario nato a Lione; il gruppo aveva soltanto cinque membri. Pur non esistendo alcun documento che ne attesti l’esistenza dopo il 1507, molti studiosi affermano ancora oggi che si trattava di un’Accademia letteraria, chiamata Società Angelica, di cui avrebbero fatto parte decine di personaggi celebri. Spesso queste attribuzioni sono anacronistiche, e così il nome: il personaggio da cui avrebbe preso il nome la casa presso cui i letterati si incontravano, Nicolas II de Langes “Angelus”, nacque solo nel 1525!

_________________
Mariano Tomatis Antoniono


11 giugno 2009, 7:39 am
Profilo WWW

Iscritto il: 21 giugno 2004, 5:52 pm
Messaggi: 1304
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Ovviamente, quel mio articolo non si riferiva ad un legame fra Arcadia e Rennes, ma a quello della cosiddetta società segreta con Rennes.
Un legame forte, anche se indiretto, è (era) rappresentato dal sepolcro di Les Pontils, quasi identito a quello del quadro. A proposito del sepolcro, mi sovviene una frase di alcuni autori - quelli de “Il codice Arcadia” -; lungo le strade che, da Les Pontils, conducono ad Arques, fino alla montagna dell’Estagnol (che sarebbe il mausoleo di Cristo…), loro avrebbero visto altri sepolcri «simili» a quello di Les Pontils. Questo mi sembra intrigante. Qualcuno ha verificato?


PS. Merovea è interessante, però. Anziché uno studio sul caso particolare, ne gioverebbe però un po’ uno comparativo e universale. Insomma, quella genealogia andrebbe contestualizzata. Il problema dell’Origine ha intrigato - dal punto di vista intellettuale ed umanistico - non poche famiglie e popoli in cerca di una specie di «patente di nobiltà». Occorreva inventare, trovare un legame «solido», cioè a dire genealogico, con una etnia e una stirpe pische e nobili. (Sia detto per inciso, onde evitare le conseguenze di certe battutacce spocchiose di un Adalbert Taillerang conte di Périgord :) ). Anche se non c’è da stupirsene, non avevo ancora notizia di dinastie “merovingiche” in Italia.
I Merovingi sono stati l’uzzolo dell’origine per la nobiltà di qualsiasi Paese cristiano, per ovvie ragioni. E ci si è prodigati per far risalire i Merovingi - dunque i “popoli merovingici” e le “famiglie merovingiche” - prima ai Troiani e ad Enea (con Jehan Lemaire des Belges), quindi a Gomer, figlio Jafet, figlio prediletto di Noè (ci sono tanti esempi, suppergiù dai Paesi Baschi sino alla Polonia, alla Scozia e alla Svezia), tramite i Celti.
Va ricordato che Plantard e Lincoln si riallacciano a “tematiche”, per definirle cosí, molto piú antiche di loro; dunque, è ridicolo ricostruire il contesto delle genealogie merovingiche partendo solo dal nocciolo esplicativo di Plantard e di Lincoln.

_________________
«Ehi, di’ un po’: c'è forse un tesoro nella casa accanto?».
«Come!?… Ma se non c’è nessuna casa!».
«Bene; e allora?… Costruiamola!».
Marx (i fratelli).


11 giugno 2009, 9:59 am
Profilo

Iscritto il: 23 giugno 2004, 12:00 pm
Messaggi: 897
Località: Monaco, Germany
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
audere ha scritto:
un bell'articolo Clio, complimenti!! Grazie Mariano


grazie a te, Audere. Spero possa esserti stato utile. :wink:

Clio

_________________
...e il tempio del Graal aveva la forma splendente di un ottagono...


11 giugno 2009, 5:17 pm
Profilo WWW

Iscritto il: 20 maggio 2009, 1:09 pm
Messaggi: 194
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Un grazie a Clio per avermi dato preziose informazioni su Maurice Barres (IL PRIORATO DI SION origini e documenti scomodi, HERA n 113) che confortano e corroborano il mio accostamento iconografico tra le posizioni assunte da Sauniere e Barres (vedi PERSONAGGI SEDUTI NELLA STESSA POSIZIONE).


Allegati:
barres_01.jpg
barres_01.jpg [ 41.11 KiB | Osservato 7095 volte ]
FOTO SAUNIERE.jpg
FOTO SAUNIERE.jpg [ 63.45 KiB | Osservato 7071 volte ]
11 giugno 2009, 9:59 pm
Profilo

Iscritto il: 21 giugno 2004, 5:52 pm
Messaggi: 1304
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Anne Golon ha fatto parte della Società Angelica; se cosí non fosse, perché avrebbe intitolati “Angelica” i libri dell’omonima eroina?

Qui, si vede la Golon in una fulgida posa destrumgenica. (L’immagine parla da sola, e tutto si esplica.)

Immagine

Qui, in sovrappiù, si vede un’Angelica da copertina implicata in un’assai eloquente mezza esibizione della coscia destruma.

Immagine

_________________
«Ehi, di’ un po’: c'è forse un tesoro nella casa accanto?».
«Come!?… Ma se non c’è nessuna casa!».
«Bene; e allora?… Costruiamola!».
Marx (i fratelli).


12 giugno 2009, 5:00 pm
Profilo

Iscritto il: 24 maggio 2005, 8:18 am
Messaggi: 698
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Alfred ha scritto:
Anne Golon ha fatto parte della Società Angelica; se cosí non fosse, perché avrebbe intitolati “Angelica” i libri dell’omonima eroina?

Se questa non è una prova coi controfiocchi... il ginocchio destro di Giuliano Gemma complotta col ginocchio destro di Michele Mercier
Allegato:
angelica1.jpg
angelica1.jpg [ 45.81 KiB | Osservato 7049 volte ]


E c'è pure una conferma rinascimentale, una incisione erotica di Annibale Carracci che raffigura Angelica e Medoro, due personaggi dell'Orlando Furioso
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Carracci_Angelique_et_Medor.jpg

Guarda che coincidenza (ma esistono le coincidenze in questi casi?), nella pagina che tratta del volume che contiene quell'incisione troviamo l'ennesimo indizio: l'incontro dei ginocchi destri di Giove e Giunone http://en.wikipedia.org/wiki/I_Modi


12 giugno 2009, 5:40 pm
Profilo WWW

Iscritto il: 20 maggio 2009, 1:09 pm
Messaggi: 194
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Alfred ti ci metti anche tu a fare il "genius destruens"!!!
Vuol dire che vi sto attizzando molto....era parecchio che il sonnolento blog era bloggato!
In altre parole....IL RISVEGLIO DEI GERONTOSAURI!!!
Vecchio B-FILM italiano.


Allegati:
masonic-anti-pope-john-xxiii.jpg
masonic-anti-pope-john-xxiii.jpg [ 40.6 KiB | Osservato 7075 volte ]
12 giugno 2009, 5:43 pm
Profilo

Iscritto il: 20 maggio 2009, 1:09 pm
Messaggi: 194
Messaggio Re: IL RARISSIMO LIBRO "MEROVEA"
Dimenticavo.....Giovanni XXIII si tocca il ginocchio destro!!!


12 giugno 2009, 5:47 pm
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © phpBB Group.
Designed by Vjacheslav Trushkin for Free Forums/DivisionCore.
Traduzione Italiana phpBB.it
[ Time : 0.160s | 13 Queries | GZIP : Off ]