Forum di discussione del Gruppo di Studio e Documentazione

Oggi è 27 febbraio 2020, 10:26 pm




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
 Ratzinger contro Harry Potter-Una saga che corrompe 
Autore Messaggio

Iscritto il: 17 giugno 2004, 12:18 am
Messaggi: 3002
Località: Torino
Messaggio Ratzinger contro Harry Potter-Una saga che corrompe
Trovate delle lettere di due anni fa in cui l'allora cardinale scrisse
che i libri di J. K. Rowling rappresentano "subdole seduzioni"
Ratzinger contro Harry Potter "Una saga che corrompe i giovani"
di Marco Politi

"È un bene che lei illumini la gente su Harry Potter, perché si tratta di subdole seduzioni, che agiscono inconsciamente distorcendo profondamente la cristianità nell'anima, prima che possa crescere propriamente". La "scomunica" è firmata da Josef Ratzinger. È il 7 marzo 2003 e l'allora cardinale, prefetto dell'ex Sant'Uffizio, scrive ad una studiosa tedesca autrice di un volumetto contrario alla saga di Harry Potter. La corrispondenza viene resa nota a 24 ore dall'uscita del sesto libro della storia del celebre maghetto.

Uno spettro si aggira per la Chiesa cattolica. Non ha il barbone di Marx, ma la faccia innocente del maghetto Harry Potter. Ratzinger non lo può vedere e lo considera un corruttore d'anime. Non è finito ancora sull'indice come il Codice da Vinci, ma non è detto che primo o poi non si accenda per lui un rogo simbolico.

Che Harry non è neanche uno stregone di quelli cattivi, un adepto della magia nera che butti topi, ranocchie, ossa di morto e urina d'impiccato in pentoloni maleodoranti per farne filtri malvagi. No, è un ragazzino inglese dalla faccia pulita con gli occhiali, con l'aria così tranquilla da essere servito persino da nomignolo al nostro politico Marco Follini. Però c'è la magia...

O, forse, più che la magia inquieta Santa Romana Chiesa la rappresentazione di un mondo fantastico dove realtà e iper-realtà si mescolano secondo una visione che non ubbidisce alle regole precise e ai canoni benedetti che stanno a cuore alla gerarchia ecclesiastica. Fatto sta che contro Harry Potter ha scagliato i suoi fulmini lo stesso Joseph Ratzinger. Quando non era ancora Papa. Ma non c'è dubbio che - come su tante altre cose che riguardano l'etica e la concezione del mondo - da pontefice non ha certamente cambiato idea.

Subdolo, tentatore e corrosivo della purezza dell'anima è il maghetto Harry Potter secondo il "guardiano della fede" divenuto Bendetto XVI. Il giudizio è saltato fuori dall'archivio personale di Ratzinger - grazie a una soffiata di Dagospia - ed è durissimo. I libri di J. K. Rowling, scrive l'allora cardinale ad una critica tedesca, rappresentano "subdole seduzioni" in grado di "distorcere" l'indole dei giovani lettori.

Le lettere risalgono a due anni fa. Gabriele Kuby, una critica letteraria tedesca, ha appena mandato al prefetto della Congregazione per la dottrina della fede un suo libro che s'intitola eloquentemente Harry Potter - Gut oder Boese?. Il maghetto, insomma, è "buono o cattivo?". Non è solo un attacco al bestseller inglese, l'opera della Kuby è tesa a sfatare il gossip britannico secondo cui le voci britanniche a papa Wojtyla Harry piace. No, spiega la Kuby, i libri di Rowling non sono un passatempo innocente, bensì corrompono l'anima dei teenager, offuscando in loro il chiaro confine tra il bene ed il male. Quindi? Quindi mettono in pericolo la loro relazione addirittura con Dio, e questo in una fase di delicato sviluppo del senso religioso.

Ben detto, replica Ratzinger, ringraziando il 7 marzo 2003 la Kuby per il pacchetto arrivato qualche settimana prima. "Informatissimo libro" è il suo giudizio. "E' un bene che lei, stimata e cara signora Kuby - scrive il porporato - illumini la gente su Harry Potter, perché si tratta di subdole seduzioni, che agiscono inconsciamente distorcendo profondamente la cristianità nell'anima, prima che possa crescere propriamente".

Posso far sapere in giro questo altissimo giudizio, chiede probabilmente Gabriele Kuby lusingata dopo aver ricevuto la missiva cardinalizia? Il 27 maggio il braccio destro di Giovanni Paolo II dà il suo placet. "Io posso darle con piacere il mio permesso di riferire il mio giudizio su Harry Potter". Firmato: "Cordiali saluti e benedizioni, Cardinale Joseph Ratzinger". Alla saggista sua compatriota viene anche dato il suggerimento di inviare una copia del libro anti-Potter ad uno degli esperti del Consiglio pontificio per la Cultura in modo da fugare ogni impressione che al Papa e al Vaticano garbi il mondo del maghetto.

Non farà piacere alla casa editrice, impegnata in questi giorni nel lancio del sesto capitolo della saga - Harry Potter e il Principe Mezzosangue - scoprire che l'attuale capo della Chiesa cattolica è un implacabile avversario di Harry, molto più del perfido Voldemort che insidia abitualmente il maghetto. Ma è così. Il nuovo pontefice non ne vuole sapere di calici di fuoco, scuole dove si insegnano stregonerie, olimpiadi di magia, scolari che vanno in giro su scope e gufi che recapitano la posta.

Il trend esoterico è il nuovo, grande nemico di Santa Romana Chiesa. Perché è con i maghi, i sortilegi reali o immaginari, il gusto del mistero, il profumo sottile e insidioso della Gnosi che la gerarchia si sente chiamata a battersi per la conquista delle anime. Non è più all'ombra del Capitale che si cela Satana né sono ritenuti temibili gli ultimi atei ancora in circolazione e nemmeno incutono spavento alle sacre gerarchie le roccaforti dei razionalisti, emuli di Voltaire.

No, il nemico del XXI secolo è il simpatico libraio che vende "libri avvelenati" come la saga del maghetto o il Codice da Vinci. Per un Coelho che si converte, abbandonando l'eresia New Age, altri scrittori sono in agguato. Il Mistero attira e il Demonio esoterico-libresco fa breccia continuamente. Si tratti di scope volanti, coppe del Graal o guerrieri della luce.

D'altronde, se il trenta per cento degli italiani si rivolge in un momento o l'altro della propria vita ad astrologhi e maghi, se solo il quindici per cento dei giovani va a messa la domenica, significa che Harry Potter è più attraente del parroco nell'oratorio accanto. Perciò l'allarme. Nessun "dibbattito" di venerata memoria, nessuna conferenza stampa, nessun referendum mette maggiormente in allarme il Pulpito di un volumetto o volumone esoterico che scala inesorabilmente la vetta della hit parade delle vendite.

Il cardinale Tarcisio Bertone di Genova, che ieri è venuto tra i monti della Val d'Aosta per discutere con papa Ratzinger sullo schema della sua prima enciclica, si è scagliato a marzo violentemente contro il Codice da Vinci di Dan Brown. "Non si fa un romanzo - ha tuonato - mistificando i dati storici, maldicendo, diffamando". Il libro - così ha denunciato il porporato - va a ruba nelle scuole, leggerlo è diventato un must e persino le librerie cattoliche (scandalo supremo) offrono copie su copie del libro "per motivi di lucro".

Dove c'è il demonio della mistificazione, non può mancare il complotto. "Credo che ci sia una strategia nella diffusione di questo castello di menzogne", ha commentato a suo tempo Bertone, aggiungendo: "Una strategia della persuasione, che uno non è cristiano adulto se non legge questo libro". L'appello cardinalizio a non leggere e men che mai a non comprare il volume non sembra aver sortito effetti a giudicare dalle vendite.

Dietro il gusto di massa per il mistero, le autorità ecclesiastiche intravedono (e temono) il grande pericolo di una religiosità fai da te e di uno spiritualismo necessariamente disincarnato dalla dottrina cristiana. "Quando la fede è scarsa - avverte il cardinale opusdeino Julian Herranz - la gente cerca appagamento nell'esoterismo". E si rivolge alla New Age, come sottolinea il cardinale Paul Poupard presidente del Consiglio pontificio per la Cultura (l'organismo a cui Ratzinger ha indirizzato il saggio anti-Potter), vista come "una falsa risposta ad una vera domanda di felicità". Tra i rimedi suggeriti, la diffusione del catechismo.

I librai sono avvisati. La gara è aperta. Il Piccolo Catechismo contro il Piccolo Mago Harry. E che vinca il migliore.


15 luglio 2005, 7:42 am
Profilo WWW

Iscritto il: 28 gennaio 2005, 9:07 am
Messaggi: 532
Località: Roma
Messaggio 
Non c'è gara... vincerà Harry Potter...

Per il resto, potete immaginare la mia opinione... :!:

:twisted: :twisted:

_________________
"Il complottista è colui che per spiegare i dettagli di un avvenimento complesso si inventa un'altro avvenimento fantastico doppiamente complesso e improbabile"


15 luglio 2005, 7:46 am
Profilo YIM

Iscritto il: 17 giugno 2004, 12:18 am
Messaggi: 3002
Località: Torino
Messaggio 
Già nel 2001 scrivevo...

Il presidente dell’Associazione internazionale degli esorcisti, Gabriele Amorth, ha tuonato contro l’evento cinematografico del momento: «In Harry Potter c'è la firma del re delle tenebre, il diavolo». Non vogliamo dargli una mano a dimostrarlo con rigore scientifico? E’ quasi scandaloso che perfino il Mago Otelma – durante una recente puntata di Porta a Porta – abbia osato metterlo in dubbio! Prendete, ad esempio, il nome dell’autrice del libro, J. Rowling. Avete provato a sommare i codici ASCII delle lettere che compongono il suo nominativo? Quando lo hanno fatto con Bill Gates, hanno ottenuto 663 (B = 66, I = 73, L = 76, L = 76, G = 71, A = 65, T = 84, E = 69, S = 83), che di demoniaco ha ben poco. Hanno, così, pensato di sommargli 3, giungendo, così a quel numero della Bestia che tanto appassiona i Satanisti di ogni congrega. Con la Rowling è ancora più semplice: J=74, .=46, R=82, O=79, W=87, L=76, I=73, N=78, G=71. Totale: 666. Che dite? Il punto? Suvvia, di fronte al principe delle tenebre volete mica sottilizzare! Ma sono molti gli elementi – al di là delle considerazioni etiche di Amorth e di altri come il sociologo Carlo Climati – che inducono a intravvedere nelle gesta dell’apprendista mago l’ombra di Satana. Il nome «Harry» ha la stessa radice e significato di «Henry». Quando Oscar Wilde deve introdurre – nel suo più celebre romanzo «Il ritratto di Dorian Gray» – un personaggio che svolga il ruolo del diavolo tentatore, lo chiama Lord Henry Wotton, inserendosi in una tradizione inglese a lui precedente che vedeva nel nome «Enrico» un richiamo diretto al principe delle tenebre. E che dire del cognome «Potter»? E’ assolutamente evidente l’intento sacrilego dell’autrice che accosta ad «Harry» (diavolo) il termine «Potter» (vasaio). Letteralmente, Harry Potter si potrebbe tradurre con «Il diavolo vasaio». Secondo alcuni gruppi protestanti - gli evangelici pentecostali, ad esempio - Dio è un «Vasaio» che plasma i suoi fedeli. Come recita la testimonianza del salmista sudafricano Evan Schoombie, «L'opera del diavolo è stata vinta dall'amore che Dio Padre ha per questo Suo figlio che si è ritenuto un vaso rotto ed ha permesso al Vasaio di ricostruirlo interamente». Attribuire al diavolo un ruolo che da secoli i cristiani attribuiscono a Dio stesso ha un chiaro intento dissacrante.

E’, poi, sufficiente scorrere i nomi delle persone coinvolte nella realizzazione del film per rimanere assolutamente impressionati dalla ricorrenza della cifra demoniaca per eccellenza (il sei) in moltissimi nomi. Qual è il cognome del protagonista? Potter (6 lettere), che in italiano significa, come già detto, «vasaio» (6). Lo sceneggiatore? Steven Kloves (6-6!). E i 6 attori principali? Daniel (6) Radcliffe è Harry Potter, Rupert (6) Grint è Ronald (6) Weasley, Watson (6) Emma è Hermione Granger, Robbie (6) Coltrane è Rubeus Hagrid (6-6), Harris (6) Richard è il preside Albus Dumbledore, Maggie (6) Smith è l’insegnante Minerva McGonagall... Per non parlare di attori minori, come Joshua (6) Herdman, Murray (6) Devon, Leslie (6) Philips e i due fratelli Phelps (6), dei quali Oliver (6) è certamente l’elemento più temibile... Non ci spingeremo a contare le lettere che compongono il cognome del simpatico don Gabriele. Come non scorgere, però, nell’affermazione dell’esorcista cattolico l’ombra di Jorge da Burgos, il bibliotecario de «Il nome della rosa» il cui furore oscurantista devastò un’immensa biblioteca contenente libri troppo pericolosi per la fede cristiana? Perché non chiarire una volta per tutte che il satanismo, al di là della dimensione esoterica, pseudoreligiosa e goliardica, è un ambito fortemente permeato da varie forme di illegalità, quando non coincide con vere e proprie associazioni a delinquere? Perché non scavare alla radice del fenomeno ed identificare le ragioni per cui persone di ogni livello culturale si lasciano affascinare dallo spirito «satanico»? Come ben scriveva Umberto Eco in una sua Bustina, «la magia ha sempre offerto, nei secoli, una via breve al dominio della natura. Mentre per dissodare un campo, acquisire ricchezza, conquistare la persona amata ci vogliono sforzo e fatica, la magia ci promette le stesse cose per virtù di un filtro, di una pietra filosofale, di un genio che fuoriesce dal beccuccio di una lampada. E Satana e i suoi accoliti sembrano seguire lo stesso criterio promozionale: tutto e subito, chiavi in mano, basta firmare la cambiale». E invece no, caro Amorth. Cerchiamolo nell’innocente favola di un bimbo che, in uno dei romanzi della saga, sconfigge il cattivo che ha ucciso i suoi genitori perché è capace di rinunciare alla vendetta e perdonare chi ha tradito sua madre e suo padre. Cerchiamolo in un romanzo che mette in scena - come ogni buona fiaba - senza ambiguità lo scontro fra il bene e il male, e in cui il male è sconfitto da scelte morali che dipendono dal libero arbitrio, dalla compassione e dal perdono. Di tutt’altro equilibrio il commento di Massimo Introvigne, che scrive: «In un mondo dove da un quarto a un quinto degli occidentali crede che le pratiche magiche siano veramente efficaci la cautela si impone, e sarà bene aiutare i ragazzi a cogliere il significato metaforico delle avventure di Harry Potter. Accostata, però, con il buon senso e nel dialogo con i genitori e gli educatori che si impongono nel caso di qualunque lettura per ragazzi, la saga di Harry Potter è una lettura sana e morale.»

Ma davvero per evitare il dilagare del satanismo in salsa New Age bisogna imbavagliare la fata dai capelli turchini?

_________________
Mariano Tomatis Antoniono


15 luglio 2005, 7:59 am
Profilo WWW

Iscritto il: 17 giugno 2004, 8:57 am
Messaggi: 269
Località: Genova
Messaggio 
Mi capitano spesso delle pubblicazioni in cui appare un papero
vestito da marinaio che parla come un umano con un altro papero con il cappello a cilindro.

Anche qui ci saranno delle mistificazioni ?

_________________
Fabio L.


15 luglio 2005, 8:03 am
Profilo WWW

Iscritto il: 29 settembre 2004, 5:58 pm
Messaggi: 687
Messaggio 
A margine di ogni altra considerazione registro questo: le lettere inviate da Ratzinger alla gentile signora erano private, e non pensate per essere divulgate "urbi et orbi".

Se un domani diventassi Presidente della Repubblica e divulgassero tutte le terribili cose che ho scritto e pensato per iscrutto si aprirebbero per me i cancelli di Guantanamo. E non ci sarebbe indennità che tenga.

Mi sembra dunque un'operazione poco elegante ma soprattutto una geniale trovata pubblicitaria dell'ufficio marketing e promozione della signora JRR Rowling.


15 luglio 2005, 8:58 am
Profilo

Iscritto il: 8 novembre 2004, 10:32 am
Messaggi: 209
Località: Milano
Messaggio 
fabio ha scritto:
Mi capitano spesso delle pubblicazioni in cui appare un papero vestito da marinaio che parla come un umano con un altro papero con il cappello a cilindro. Anche qui ci saranno delle mistificazioni ?

Certo, Disney era massone!!! :D :D

Che bello vedere la chiesa infliggersi degli autogol così grandi… tanto per rendersi ancora un po’ più impopolare!!
Certo, dopo aver proclamato l’astinenza come soluzione al problema AIDS in Africa, queste non sono che quisquiglie… ma perché non scomunicano comunque la Rowling, di modo che magari tra tre - quattrocento anni la possano riabilitare? Mi pare che i tempi siano quelli…

Sono pronto agli strali dei cristianissimi frequentatori del forum…

_________________
- Advent -
cavalieridellozodiacosegreti.jimdo.com


15 luglio 2005, 9:27 am
Profilo

Iscritto il: 28 gennaio 2005, 9:07 am
Messaggi: 532
Località: Roma
Messaggio 
Advent Child ha scritto:
fabio ha scritto:
Mi capitano spesso delle pubblicazioni in cui appare un papero vestito da marinaio che parla come un umano con un altro papero con il cappello a cilindro. Anche qui ci saranno delle mistificazioni ?

Certo, Disney era massone!!! :D :D

Che bello vedere la chiesa infliggersi degli autogol così grandi… tanto per rendersi ancora un po’ più impopolare!!
Certo, dopo aver proclamato l’astinenza come soluzione al problema AIDS in Africa, queste non sono che quisquiglie… ma perché non scomunicano comunque la Rowling, di modo che magari tra tre - quattrocento anni la possano riabilitare? Mi pare che i tempi siano quelli…

Sono pronto agli strali dei cristianissimi frequentatori del forum…


Nessuno strale, mio caro. Solo un invito a essere più razionale. Gli errori concettuali del tuo post allora ti sarebbero chiari :lol: :lol: :wink:
...
Aspetta che prendo l'ombrello per ripararmi dagli strali della TUA risposta! ... :lol: :lol: :wink:

_________________
"Il complottista è colui che per spiegare i dettagli di un avvenimento complesso si inventa un'altro avvenimento fantastico doppiamente complesso e improbabile"


15 luglio 2005, 9:33 am
Profilo YIM

Iscritto il: 8 novembre 2004, 10:32 am
Messaggi: 209
Località: Milano
Messaggio 
Ciao Way,
se ti va di argomentare, anzichè limitarti ad un laconico "Gli errori concettuali del tuo post allora ti sarebbero chiari" che sa di sfottò e non dice nulla, allora io sono pronto alla lezione di catechismo di oggi!

Ma ti prego, nel tuo intervento cerca di considerare seriamente se la chiesa ti sembra al passo con i tempi.

_________________
- Advent -
cavalieridellozodiacosegreti.jimdo.com


15 luglio 2005, 9:47 am
Profilo

Iscritto il: 28 gennaio 2005, 9:07 am
Messaggi: 532
Località: Roma
Messaggio 
Advent Child ha scritto:
Ciao Way,
se ti va di argomentare, anzichè limitarti ad un laconico "Gli errori concettuali del tuo post allora ti sarebbero chiari" che sa di sfottò e non dice nulla, allora io sono pronto alla lezione di catechismo di oggi!
Ah no! Nessun catechismo, è noioso, e poi non è il luogo :D . E neppure nessun sfottò, non mi azzarderei, era un semplice invito. Davvero.

Advent Child ha scritto:
Ma ti prego, nel tuo intervento cerca di considerare seriamente se la chiesa ti sembra al passo con i tempi.

Al passo coi tempi? Mmmmmmmmmmh... fammi pensare.... negli anni trenta essere al passo coi tempi significava essere fascista o nazista. Dopo la guerra significava essere comunista. Oggi significa essere irrazionali, superficiali, luogocomunisti, relativisti (bada che non mi riferisco a te ma a un trend sociale), newagisti esoterici e chi più ne ha più ne metta! Al passo coi tempi, chiedi? Grazie a Dio no! I tempi passano, le mode passano, gli orrori passano. La Chiesa è ferma, davvero, a una croce sul Golgota. Per questo è eterna e i passi dei tempi gli fanno un baffo :wink:

_________________
"Il complottista è colui che per spiegare i dettagli di un avvenimento complesso si inventa un'altro avvenimento fantastico doppiamente complesso e improbabile"


15 luglio 2005, 10:03 am
Profilo YIM

Iscritto il: 8 novembre 2004, 10:32 am
Messaggi: 209
Località: Milano
Messaggio 
Caro Way,
come essere umano ho sempre vissuto una profonda scissione: da una parte il messaggio del Cristo, dall'altra la chiesa.

Quello che è rimasto fermo sul Golgota, come dici con parole che ho comunque apprezzato, non mi sembra affatto la chiesa, ma il messaggio meraviglioso di Gesù: tolleranza, indulgenza, compassione, amore, povertà materiale volta alla ricerca dello spirito (se è più facile per un cammello passare per la cruna di un ago che per un ricco entrare in paradiso, cosa deve esserne di una chiesa ricca?). Quello sì che è senza tempo.
Non i paramenti e le preziose abitudini di cardinali & co.

Ma tornando in topic: perchè la chiesa condanna una forma di intrattenimento popolare?

Perché non rispetta i dettami da essa imposti?
Perché si sente minacciata?
O piuttosto per paura della concorrenza, perché cerca il dominio assoluto sull'irrazionalità?

Mi hai chiesto di essere più razionale ma, come già dissi a Bud a suo tempo, è davvero difficile accettare questo appunto da voi che credete in qualcosa successo 2000 anni fa e che di razionale non ha proprio nulla.

Alla mia critica dell'atteggiamento della chiesa verso Harry Potter, non sei riuscito ad opporre una spiegazione razionale.
Mi hai solo rimandato alla figura di un uomo, morto in croce, la cui valutazione sulla statura di infinita grandezza io condivido con te.
Ma non stavamo parlando di Lui.

Harry Potter non allontana la gente dalla chiesa quanto gli scandali di cui essa stessa si è macchiata.

Non sono affatto d'accordo con quando dici che gli orrori passano.
Rimangono tali e quali nei secoli.
E pesano.

_________________
- Advent -
cavalieridellozodiacosegreti.jimdo.com


15 luglio 2005, 11:11 am
Profilo

Iscritto il: 29 settembre 2004, 5:58 pm
Messaggi: 687
Messaggio 
Il mio contributo ha solo il senso di riportare la discussione nei binari:

"la Chiesa" non si è affatto pronunciata contro Harry Potter. La signora X ha inviato una lettera a Ratzinger, chiedendogli la sua opinione su Harry Potter. Ratzinger, che non era il Mago Otelma, ma un cardinale della Chiesa ha detto la sua.

In privato. In una lettera chiusa e con tanto di ceralacca.

Due anni dopo, la signora, in occasione del lancio del 6° romanzo di HP tira fuori la letterina. Così, a comando tutti ricominciano "la Chiesa che si è macchiata di questo e di quello non dovrebbe ecc ecc".

Insomma, credete a me: fa parte del lancio. E la"Chiesa" non si è pronunciata. Il problema non c'è.


15 luglio 2005, 11:42 am
Profilo

Iscritto il: 28 gennaio 2005, 9:07 am
Messaggi: 532
Località: Roma
Messaggio 
Advent Child ha scritto:
Caro Way,
come essere umano ho sempre vissuto una profonda scissione: da una parte il messaggio del Cristo, dall'altra la chiesa.

Quello che è rimasto fermo sul Golgota, come dici con parole che ho comunque apprezzato, non mi sembra affatto la chiesa, ma il messaggio meraviglioso di Gesù: tolleranza, indulgenza, compassione, amore, povertà materiale volta alla ricerca dello spirito (se è più facile per un cammello passare per la cruna di un ago che per un ricco entrare in paradiso, cosa deve esserne di una chiesa ricca?). Quello sì che è senza tempo.
Non i paramenti e le preziose abitudini di cardinali & co.
Ma tale messaggio ti è giunto solo attraverso la Chiesa, altrimenti tu ora sapresti magari che Gesù era un marziano di Vega ( :lol: ), un filosofo cinico spia dei romani ecc. Non è possibile separare Cristo dalla Chiesa senza ridurre il cristianesimo a una specie di mitologia. Se Cristo ha fondato la Chiesa, un motivo ci sarà :wink:

Advent Child ha scritto:
Ma tornando in topic: perchè la chiesa condanna una forma di intrattenimento popolare?
Beh, innanzitutto non era una condanna formale ma una risposta a un'autrice che aveva scritto un libro critico su Harry Potter. Dopo di che la Chiesa ha il pieno diritto di criticare qualcosa che ritiene sbagliato. Non si capisce perchè noi tutti possiamo, e giustamente, criticare l'universo mondo ma solo alla Chiesa sarebbe impedita questa libertà.

Advent Child ha scritto:
Perché non rispetta i dettami da essa imposti?
Perché si sente minacciata?
O piuttosto per paura della concorrenza, perché cerca il dominio assoluto sull'irrazionalità?
Non ho letto il libro nè la lettera di Ratzinger, ma per aver letto altre opere di quest'ultimo so che è persona estremamente intelligente e preparata, per cui non parla a vanvera. Si può condividere o meno, ma non ridurre a paura della concorrenza. Così su due piedi posso pensare che la critica della Chiesa / Ratzinger sia simile a quella rivolta al newage, una critica a una spiritualità psicologico-individualista fai da te, esaltazione dell'egotismo e negazione dell'apertura al divino come esterno da noi, diffusione di un senso del magico irrazionale e privo di riscontri, confusione tra reale e immaginario (vedi bambini che credono di poter volare come gli eroi dei cartoni animati), pretesa di essere degli dei (il divino che è in noi!) ecc. ecc. E' una critica culturale. Ripeto, si può condividerla o no, ma non si può, credo, negarle dignità.

Advent Child ha scritto:
Mi hai chiesto di essere più razionale ma, come già dissi a Bud a suo tempo, è davvero difficile accettare questo appunto da voi che credete in qualcosa successo 2000 anni fa e che di razionale non ha proprio nulla.
Ma noi non crediamo a priori. E neppure crediamo a quello che è scritto in un libro. Crediamo a chi dice di aver visto e sentito e per testimoniarlo si è fatto sbranare nelle arene romane. Appunto perchè siamo razionali, troviamo difficile pensare che qualcuno (migliaia) si faccia uccidere per qualcosa che sa essere falso. Una volta fatta questa scelta, il resto è tutto ma proprio tutto conseguenza razionale. Ovviamente se tu domani trovi il corpo di Cristo, da persone razionali ammetteremo che non è risorto e pertanto era solo un uomo la cui parola lascia il tempo che trova. Se permetti vi è una certa differenza rispetto ad affermazioni apodittiche o palesemente illogiche (in generale).

Advent Child ha scritto:
Alla mia critica dell'atteggiamento della chiesa verso Harry Potter, non sei riuscito ad opporre una spiegazione razionale.
Mi hai solo rimandato alla figura di un uomo, morto in croce, la cui valutazione sulla statura di infinita grandezza io condivido con te.
Ma non stavamo parlando di Lui.
Vedi sopra :wink: . Il resto era una risposta sulla Chiesa al passo coi tempi e non su Potter, era chiaro.

Advent Child ha scritto:
Harry Potter non allontana la gente dalla chiesa quanto gli scandali di cui essa stessa si è macchiata.
Forse, o forse nascono dalla stessa matrice. E se questo avviene è perchè la gente non comprende cosa sia la chiesa ma preferisce fermarsi all'apparenza: la superficiliatà al passo con i tempi! :D :wink: .

Advent Child ha scritto:
Non sono affatto d'accordo con quando dici che gli orrori passano.
Rimangono tali e quali nei secoli.
E pesano.
Passano in senso temporale. E svaniscono. Potrei citarti decine di orrori di cui non hai memoria (non è una colpa, lo stesso vale per me). Spesso l'orrore rimane solo se è utilizzabile in chiave politica/polemica, altrimenti scivola lentamente nel dimenticatoio. E te lo dico per esperienza personale. In fondo, come disse Merlino: "la maledizione degli uomini è che dimenticano!".
8) :wink:

_________________
"Il complottista è colui che per spiegare i dettagli di un avvenimento complesso si inventa un'altro avvenimento fantastico doppiamente complesso e improbabile"


15 luglio 2005, 11:44 am
Profilo YIM

Iscritto il: 23 giugno 2004, 12:00 pm
Messaggi: 897
Località: Monaco, Germany
Messaggio 
Ciao a tutti,

a dire il vero questa posizione di Ratzi gegen Harry mi fa morire dal ridere! :lol: Ma è pur vero che la Chiesa non si smentisce mai.

@ Bud: "A margine di ogni altra considerazione registro questo: le lettere inviate da Ratzinger alla gentile signora erano private, e non pensate per essere divulgate "urbi et orbi". "

Be', Bud, questa volta saltano fuori i "panni sporchi" di Ratzinger. Direi che ci si sente meglio constatando che anche i panni sporchi di quei signori talvolta vengono presentati in pubblico. :wink:

BB & baci
Clio

_________________
...e il tempio del Graal aveva la forma splendente di un ottagono...


15 luglio 2005, 5:45 pm
Profilo WWW

Iscritto il: 28 gennaio 2005, 9:07 am
Messaggi: 532
Località: Roma
Messaggio 
Lo sapevo che Clio non resisteva, è più forte di lei, popo ngne a fà a resiste... :lol: :lol: :lol:

_________________
"Il complottista è colui che per spiegare i dettagli di un avvenimento complesso si inventa un'altro avvenimento fantastico doppiamente complesso e improbabile"


16 luglio 2005, 11:08 am
Profilo YIM

Iscritto il: 2 agosto 2004, 12:07 pm
Messaggi: 382
Messaggio 
Da questo blog

http://www.kataweb.it/kwblog/page/CLIP/blog

cito l'elenco dei libri all'indice fino al 1948... che non commenterò....

giovedì, 14 luglio 2005
POTTER E GLI ALTRI

inviato alle ore 10:00

Divertita, ma nient’affatto sorpresa, dall’epica sfida Ratzinger-Harry Potter, sono andata a ricercare gli appunti presi per l’articoletto sul rapporto fra Opus Dei e libri. Perché allora, sfogliando il sito dell’Odan, l’associazione anti-Opera convinta che la medesima adotti ancora il vecchio indice dei libri sconsigliati dalla Chiesa fino al 1948, avevo trovato l’indice medesimo (oltre duecento pagine, per inciso). Non resisto a pubblicarne almeno una parte. Certo, la fonte può essere poco attendibile (e in questo caso, buttiamola sull'ucronico: cosa sarebbe successo se questi libri fossero stati proibiti? What if?). Certo, i tempi sono cambiati (sono cambiati?). In ogni caso, la lettura, parzialissima, è interessante.

INDEX LIBRORVM PROHIBITORVM – 1948

Alfieri, Vittorio Satire. 1823

Alfieri, Vittorio Della tirannide. 1823

Alfieri, Vittorio Vita di Vittorio Alfieri da Asti scritta da esso. 1823

Alfieri, Vittorio Panegirico di Plinio a Traiano. 1827

Alfieri, Vittorio Del principe e delle lettere. 1827

Baco, Franciscus De dignitate et augmentis scientiarum libri IX. Donec corrig. 1668

Balzac, Honoré de Omnes fabulae amatoriae. 1841

Beccaria, Cesare Delitti (dei) e delle pene. 1766

Bergson, Henri Essai sur les données immédiates de la conscience. 1914

Bergson, Henri Matière et mémoire; essai sur la relation du corps à l'esprit. 1914

Bergson, Henri L'évolution créatrice. 1914

Comte, Auguste Cours de philosophie positive. 1864

Croce, Benedetto Storia d'Europa nel secolo decimonono. 1932

Croce, Benedetto Opera omnia. 1934

D'Annunzio, Gabriele Prose scelte. 1911

D'Annunzio, Gabriele Omnia opera dramatica. 1911

D'Annunzio, Gabriele Omnes fabulae amatoriae. 1911

D'Annunzio, Gabriele Reliqua opera (tragedie, commedie, misteri, romanzi, novelle, poesie) fidei et morum offensiva. 1928

D'Annunzio, Gabriele Solus ad Solam. 1939

Descartes, Renatus Les passions de l'âme. Donec corrig. 1663

Descartes, Renatus Opera philosophica. Donec corrig. 1663

Dumas, Alexandre (filius) Omnes fabulae amatoriae. 1863

Dumas, Alexandre (pater) Omnes fabulae amatoriae. 1863

Flaubert, Gustave Madame Bovary. 1864

Flaubert, Gustave Salambo. 1864

Gentile, Giovanni Opera omnia. 1934

Hobbes, Thomas Opera omnia. 1649

Hugo, Victor Notre-Dame de Paris. 1834

Hugo, Victor Les misérables. 1864

Hume, David Opera omnia. 1761

Kant, Immanuel Kritik der reinen Vernunft. 1827

La Fontaine, Jean de Contes et nouvelles en vers. 1703

Leopardi, Giacomo Operette morali. Donec corrig. 1850

Maeterlinck, Maurice Opera omnia. 1914

Maroncelli, Piero Alle mie prigioni di Silvio Pellico, addizioni. 1835

Negri, Ada Fatalità. 1893

Pascal, Blaise Pensées, avec les notes de m. Voltaire. 1789

Rousseau, Jean-Jacques Emile, ou de l'éducation. 1762

Rousseau, Jean-Jacques Du contract social, ou principes du droit politique. 1766

Rousseau, Jean-Jacques Lettres écrites de la montagne. 1767

Rousseau, Jean-Jacques Julie, ou la nouvelle Héloise; lettres de deux amans, habitans d'une petite ville au pied des Alpes. 1806

Stendhal, Henri Beyle de Omnes fabulae amatoriae. 1828

Tommaseo, Niccolò Studii filosofici. 1842

Verona (Da) Guido Opera omnia. 1920

Voltaire Candide, ou l'optimisme traduit de l'allemand. 1762 Ralph [pseudonymus]

Voltaire Dictionnaire philosophique portatif. 1765

Voltaire Traité sur la tolérance. 1766

Zola, Emile Opera omnia. 1894

_________________
Impariamo alfabeti e non sappiamo leggere gli alberi.


17 luglio 2005, 9:43 pm
Profilo

Iscritto il: 29 settembre 2004, 5:58 pm
Messaggi: 687
Messaggio 
Gli "Indici" dei critici letterati di oggi sono molto più efficaci (e feroci).


18 luglio 2005, 6:18 am
Profilo

Iscritto il: 8 novembre 2004, 10:32 am
Messaggi: 209
Località: Milano
Messaggio 
Bud ha scritto:
Cita:
Il mio contributo ha solo il senso di riportare la discussione nei binari: "la Chiesa" non si è affatto pronunciata contro Harry Potter. La signora X ha inviato una lettera a Ratzinger, chiedendogli la sua opinione su Harry Potter. Ratzinger, che non era il Mago Otelma, ma un cardinale della Chiesa ha detto la sua.


Hai ragione, Bud, mi sono espresso male: la "Chiesa" non si è pronunciata.. era solo l'opinione di un futuro papa!!
Ratzinger, cui Way attribuisce una approfondita preparazione (ed io gli credo, perché non dovrei?) è stato scelto come Papa anche considerando le sue posizioni e la sua visione del mondo. Perché, dunque, nella sua investitura non m'è dato subdorare una sorta di dichiarazione programmatica del Vaticano? :evil:
Concordo con Way sul fatto che il suo punto di vista sia legittimo, sono dell'avviso che nessuna opinione debba essere censurata.
Ma è altrettanto legittimo il fatto che io esprima dissenso per questa opinione che trovo medievale e distorta, priva di appigli con la realtà di un mondo la cui evoluzione sembra essere passata inosservata all'universo cattolico. Il vaticano usa i media (messe alla tv) ma li critica continuamente.

Avevo semplicemente colto questo spunto, che maliziosamente Mariano ha introdotto salvo poi evitare ogni commento, come partenza di una riflessione più grande, e non per fare del luogocomunismo: siamo nel 2005 e si dà ancora la caccia alle streghe (o ai maghetti!).
Prima era eretica la teoria eliocentrica, 25 anni fa era il Rock, oggi Harry Potter e domani sarà qualcos'altro.
Way mi dice che "negli anni trenta essere al passo coi tempi significava essere fascista o nazista" e che "Crediamo a chi dice di aver visto e sentito e per testimoniarlo si è fatto sbranare nelle arene romane" e "troviamo difficile pensare che qualcuno (migliaia) si faccia uccidere per qualcosa che sa essere falso" e non mi sembra molto meno tendenzioso o luogocomunista di me quando ricordo gli orrori dell'inquisizione o lo sterminio degli Albigesi o i preti pedofili o i pastori di Fatima (a loro tempo osteggiati in tutte le maniere possibili).


@Way
Sia chiaro che apprezzo comunque sempre la pacatezza dei toni con cui mi rispondi e ti ringrazio.Sarà il Karate che ci accomuna. Mi ricordi una persona (un catechista) che conobbi e col quale ebbi delle conversazioni molto produttive.

Però i contenuti del tuo intervento mi lasciano perplesso:
Cita:
Se Cristo ha fondato la Chiesa, un motivo ci sarà

Su questo si potrebbe discutere molto. L'organizzazione della chiesa cattolica e la sua storia non mi sembrano rispecchiare gli insegnamenti riportati dal Vangelo.(io ad es. non ho mai capito xkè i preti cattolici non possano sposarsi, visto che Gesù disse "andate e moltiplicatevi" senza aggiungere postille di alcun genere tipo.Se ti va di colmare la mia lacuna te ne sono grato). In questo senso, Cristo è separabile dalla Chiesa.

Nella mia ignoranza penso alle parole "Fate questo in ricordo di me" e mi sfugge il passaggio da un'umile cena ad una multinazionale della fede con conti in banca esorbitanti, guardie armate, segreti e finanze scandalose, partiti politici i cui componenti si sono macchiati di crimini contro la legge, e preti che si comportano in modo poco decente (non ultimo il nostro Sauniére, che però ha il solito vantaggio di essere impagabilmente fin de siècle © !!).
Way ha scritto:
Cita:
Forse, o forse nascono dalla stessa matrice. E se questo avviene è perchè la gente non comprende cosa sia la chiesa ma preferisce fermarsi all'apparenza: la superficiliatà al passo con i tempi!


Spero tanto che qualcuno, prima o poi, riesca davvero a spiegarmelo cosa sia la chiesa, perché fino a quando continuerò a vederla come quella multinazionale, essa mi terrà lontano da Gesù.

_________________
- Advent -
cavalieridellozodiacosegreti.jimdo.com


18 luglio 2005, 11:20 am
Profilo

Iscritto il: 29 settembre 2004, 5:58 pm
Messaggi: 687
Messaggio 
Cita:
Ma è altrettanto legittimo il fatto che io esprima dissenso per questa opinione che trovo medievale e distorta, priva di appigli con la realtà di un mondo la cui evoluzione sembra essere passata inosservata all'universo cattolico. Il vaticano usa i media (messe alla tv) ma li critica continuamente.


Ratzinger ha espresso, poveretto, un parere da ottantenne. La saga del maghetto Harry Potter non è "la realtà", ma un fenomeno culturale, come i film di Alvaro Vitali (che furono criticati da Paolo VI soprattutto per le flatulenze insistite) o la serie dedicata all'Ubalda. E meno male che critica TV e mass media, fra Lucignolo e Reality è ormai un rimbambimento generale. Guarda, se fossi diventato io papa, altro che Ratzinger.... 8) Avrei dato spettacolo. Avrebbero dovuto rinchiudermi nei Sacri Palazzi per le mie intermperanze. Sedarmi.
Avrei lanciato scomuniche e anatemi; avrei deturpato personalmente il nottetempo la statua a Giordano Bruno, avrei organizzato processioni di flagellanti armati e mi sarei fatto vedere per tutto l'ex Stato Pontificio, a cavallo, in stile conducator, modello Corneliu Zelea Codreanu. Altro che biascicare qualcosa contro Harry Potter. Harry Potter? Ma andiamo. Vi è andata bene.


18 luglio 2005, 4:19 pm
Profilo

Iscritto il: 28 gennaio 2005, 9:07 am
Messaggi: 532
Località: Roma
Messaggio 
Bud Spencer ha scritto:
Cita:
Ma è altrettanto legittimo il fatto che io esprima dissenso per questa opinione che trovo medievale e distorta, priva di appigli con la realtà di un mondo la cui evoluzione sembra essere passata inosservata all'universo cattolico. Il vaticano usa i media (messe alla tv) ma li critica continuamente.


Ratzinger ha espresso, poveretto, un parere da ottantenne. La saga del maghetto Harry Potter non è "la realtà", ma un fenomeno culturale, come i film di Alvaro Vitali (che furono criticati da Paolo VI soprattutto per le flatulenze insistite) o la serie dedicata all'Ubalda. E meno male che critica TV e mass media, fra Lucignolo e Reality è ormai un rimbambimento generale. Guarda, se fossi diventato io papa, altro che Ratzinger.... 8) Avrei dato spettacolo. Avrebbero dovuto rinchiudermi nei Sacri Palazzi per le mie intermperanze. Sedarmi.
Avrei lanciato scomuniche e anatemi; avrei deturpato personalmente il nottetempo la statua a Giordano Bruno, avrei organizzato processioni di flagellanti armati e mi sarei fatto vedere per tutto l'ex Stato Pontificio, a cavallo, in stile conducator, modello Corneliu Zelea Codreanu. Altro che biascicare qualcosa contro Harry Potter. Harry Potter? Ma andiamo. Vi è andata bene.



:shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock: :shock:

MUAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAAAH!!!
Bud, giuro che al prossimo conclave ti voto!!

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:


@Advent: spero di riuscire a risponderti presto, sono talmente incasinato che riesco solo a scrivere post assai brevi :D :wink:

_________________
"Il complottista è colui che per spiegare i dettagli di un avvenimento complesso si inventa un'altro avvenimento fantastico doppiamente complesso e improbabile"


19 luglio 2005, 7:50 am
Profilo YIM

Iscritto il: 8 novembre 2004, 10:32 am
Messaggi: 209
Località: Milano
Messaggio 
"Francesi e uomini del clero furono lodati del male che fecero, perché prosperarono in esso…"
Peire Cardenal, 1180 - 1278

:lol: :lol: :lol:
Grande Bud!
Questo tuo intervento la dice molto più lunga su di te di tutti i 601 post precedenti e pseudo-razionali! :lol: :lol: :lol:

Finalmente ti lasci un po' andare... e capperi, appena lo fai, Torquemada ti fa un baffo!
Forse però ti manca un po' il fisico da "conducator"... lo spirito alla Arnaud Amaury, invece, no.

I Catari tu non li avresti solo cremati, li avresti pure caramellati! :twisted:

E se domani, per caso, un uomo (o una donna!) camminasse tra le genti proclamando di essere figlio di Dio, forse non saresti altro che un puntino nella schiera dei novelli Caifa tutti uguali e pronti a puntare il dito. :? :?

Per fortuna, qui, si celia soltanto e nessuno di noi ha qualsivoglia forma di potere decisionale.

Io comunque preferisco un mondo vario, anche se ingiusto e pieno di contraddizioni.

_________________
- Advent -
cavalieridellozodiacosegreti.jimdo.com


19 luglio 2005, 8:05 am
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © phpBB Group.
Designed by Vjacheslav Trushkin for Free Forums/DivisionCore.
Traduzione Italiana phpBB.it
[ Time : 0.152s | 15 Queries | GZIP : Off ]