STUDI • DIEGO CUOGHI

TORNA ALL'INDICE

De-codificare Leonardo

COM'È STATA SOVRAINTERPRETATA L'OPERA DEL GENIO DI VINCI • MAGGIO 2006

Intanto l'uomo comune aveva perduto la capacità di riconoscere i soggetti dell'arte antica e di comprenderne i significati. Erano sempre meno le persone che leggevano i classici greci, e relativamente poche quelle che conoscevano la Bibbia come l'avevano conosciuta i loro nonni. Le persone di una certa età oggi restano sgomente nel vedere quanti riferimenti biblici siano ormai incomprensibili alle ultime generazioni.

Kenneth Clark (dall'introduzione al Dizionario dei soggetti e dei simboli nell'Arte di James Hall)

Nel panorama editoriale degli ultimi anni, un libro più di ogni altro ha dato origine a discussioni, commenti e dibattiti: si tratta del romanzo di Dan Brown Il Codice da Vinci. Anche tornando indietro nel tempo si fatica a trovare un esempio paragonabile. Nei discorsi sul Codice, oltre alle figure di Gesù e Maddalena, il soggetto principale è ovviamente Leonardo Da Vinci. L'artista viene presentato come un esoterico dispensatore di rebus, crittografie, immagini subliminali e anagrammi, abilmente nascosti in opere che tutti hanno sotto gli occhi da sempre. (1)

Leonardo però non aveva bisogno di Dan Brown per essere trasformato in una icona pop. Da secoli il suo dipinto più celebre, il ritratto di donna definito "la Gioconda", è considerato l'opera d'arte per eccellenza, addirittura un vero e proprio feticcio detentore e dispensatore di potere per chi lo possiede. Ricordiamo che nel 1801 Napoleone volle portare madame Lisa nella sua camera da letto al palazzo delle Tuileries; passarono tre anni prima che la tavola fosse ricollocata all'interno del Musée Napoleon, al Louvre, ove finalmente poté essere ammirata da un pubblico più vasto. Da allora il suo successo divenne travolgente grazie alle suggestioni di Corot, di scrittori come Laforgue, Baudelaire, D'Annunzio, Gauthier... Quest'ultimo in particolare si rivolge alla Gioconda chiamandola "donna misteriosa la cui bellezza turba i sensi", Baudelaire la vede come uno "specchio misterioso", Walter Pater la definisce "simile a un vampiro, più volte morta e a conoscenza dei segreti della tomba". (2)

A rendere definitivamente questo piccolo dipinto "il quadro più famoso al mondo" fu però un fatto di cronaca: si tratta del "rapimento" della Gioconda, avvenuto nel 1911 ad opera dell'imbianchino Vincenzo Peruggia. Il risalto dato alla notizia fu tale che alla riapertura del Louvre, una settimana dopo il furto, "un esercito di persone che mai aveva messo piede nel museo si precipitò ad adorare il 'santo chiodo' dove era stata appesa la Gioconda." (3)

Due anni dopo la Gioconda fu ritrovata in Italia, e da allora divenne a tutti gli effetti il dipinto per antonomasia. La sua immagine è stata riprodotta ovunque, dai teli da spiaggia alle magliette, alle scatole di cioccolatini; cartoline umoristiche ne elaborano e deformano la figura. Possiamo infine trovarla, in un inquietante primissimo piano, sulla copertina del controverso romanzo di Dan Brown.

Un romanzo, appunto: senza dimenticare che si tratta di un'opera di fantasia, e come tale libera di reinventare le vicende storiche, riteniamo giusto occuparci di quanto raccontato da Dan Brown su Leonardo perché una quantità impressionante di lettori ha creduto davvero che fosse la verità (così come è accaduto per le pagine sulla Maddalena, sul Priorato di Sion o sul Rennes-le-Château). Basta fare una semplice ricerca tra le pagine web dedicate a Leonardo da Vinci per accorgersi della strabiliante quantità di siti dedicati ai "misteri" celati nell'Ultima Cena o nella Vergine delle Rocce o nella Gioconda. Sui forum poi si discute del coltello misterioso, della Maddalena che avrebbe preso il posto di Giovanni, di una fantomatica M che compare unendo certe figure, trattando queste "scoperte" come se fossero fatti accertati e non elementi di uno o più racconti di fantasia, a volte sfrenata.

Chi alza le spalle di fronte a questo modo di accostarsi alla storia dell'arte, invocando la licenza poetica, sottovaluta le potenzialità della letteratura di produrre cultura oltre all'intrattenimento. Per questo motivo credo sia necessario fornire risposte sui tanti temi storico-artistici trattati nel romanzo di Dan Brown, e ancora prima nei libri dai quali l'autore americano ha preso spunto: Il Santo Graal di Baigent, Leigh e Lincoln (4), Turin Shroud (5) e La rivelazione dei Templari (6) di Picknett e Prince. Umberto Eco, parlando dei libri che "raccontano panzane" sui Templari, citava proprio Il Santo Graal come il modello di fantastoria più sfacciato, aggiungendo che "la malafede è così evidente che il lettore vaccinato può divertirsi come se facesse un gioco di ruolo" (7), ma si può allargare questo giudizio anche agli altri libri che riprendono e sviluppano le stesse tesi.

Da fonti di questo tipo Dan Brown ha ripreso praticamente tutto il materiale storico-artistico trattato nel Codice: egli rimescola, cuce, ritaglia, in alcune pagine letteralmente copia, le tesi esposte ne Il Santo Graal circa l'intricata vicenda del Priorato di Sion e del complotto dinastico legato al Sang Real (cioè all'ipotetica discendenza di Gesù e Maddalena). Dai libri di Picknett e Prince trae invece tutte le parti relative ai presunti segreti nascosti nelle opere di Leonardo da Vinci.

In particolare in Turin Shroud viene proposta la romanzesca ipotesi (assolutamente non documentata) secondo cui la Sindone di Torino sarebbe stata prodotta da Leonardo impiegando tecniche che avrebbero anticipato di secoli l'uso della camera oscura e delle sostanze fotosensibili. Oltre a sostenere questa tesi (che Brown non ha ripreso), gli autori passano in rassegna molte opere di Leonardo, cercando, e ovviamente trovando, indizi di tendenze eretiche dell'artista e della sua affiliazione a sette gnostiche anticristiane come il Priorato di Sion. Leonardo, secondo loro, avrebbe letteralmente riempito i suoi lavori di allusioni criptiche, indizi eretici, gesti misteriosi e allo stesso tempo rivelatori di arcani segreti. Proviamo a riassumere...

Nell'Adorazione dei Magi, conservato agli Uffizi, gli autori notano una folla di personaggi simili a scheletri che circondano una "insipid Virgin and Child", quasi tentando di ghermirli; uno di questi fa un gesto con la mano, come se minacciasse di tagliare la gola a qualcuno ("one man's hand appears to cut across the throat of a baystander in the manner of the Freemason's oath").

Leonardo - Adorazione dei Magi

Questo gesto ricorda quello del giuramento massonico, e si ritroverebbe anche in uno dei dipinti più conosciuti di Leonardo, l'Ultima Cena. Quest'opera, commissionata forse dallo stesso duca di Milano Ludovico Sforza per il refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie, è tra le più emblematiche del Rinascimento italiano. Contrariamente a quanto spesso si legge, non è un affresco ma un dipinto realizzato a secco. Leonardo usò purtroppo particolari colori a base di tempera e olio stesi su un duplice strato di intonaco, scelta che pochi anni dopo si rivelò deleteria per la conservazione del dipinto. (8)

Leonardo - L'Ultima Cena

L'Ultima Cena, a detta di tanti autori di mistero, conterrebbe moltissimi particolari eretici ed extrabiblici. Un apostolo identificato come Taddeo, che si dice sia un autoritratto di Leonardo, volta le spalle al Messia come nell'Adorazione dei Magi; un altro apostolo alza un minaccioso dito indice all'altezza del volto di Gesù, un gesto riconoscibile anche in un personaggio che appare dietro all'albero nell'Adorazione dei Magi e nel Giovanni Battista del Louvre.

Ma il primo vero "oggetto misterioso" è un coltello impugnato da una mano che non apparterrebbe a nessuno degli apostoli, e che sembra essere puntato allo stomaco di un personaggio che fa un gesto di resa alzando le mani. "Quella mano non stringe un pugnale? Sì. Cosa ancora più strana, se conti le braccia non appartiene a nessuno in particolare. È priva di corpo. Anonima." Così scrive Brown prendendo spunto da Picknett e Prince, che avevano aggiunto un altro indizio: l'artista che dipinse l'unica copia dell'Ultima Cena contenente questo strano particolare sarebbe stato costretto ad alterare la posa di un braccio per rendere anatomicamente possibile l'impugnatura del coltello. i due autori proseguono poi mostrando la tavola spoglia, su cui non ci sarebbe traccia della coppa del Graal e mancherebbe perfino il vino, e ne deducono che secondo Leonardo "Jesus did not die on the Cross" (Gesù non è morto sulla croce) e che "he did not shed his blood for us" (non ha versato il suo sangue per noi). Arrivano poi a descrivere la figura col capo reclinato, solitamente identificata come l'apostolo prediletto Giovanni, e osservandone i lineamenti, la delicatezza delle mani, l'abbigliamento che sarebbe speculare a quello di Gesù, decidono che deve trattarsi di un personaggio femminile: chi se non Maria Maddalena, sposa di Gesù? Davanti al collo di lei ecco di nuovo una mano nella posizione di chi minaccia il taglio della testa...

Più che un dipinto rinascimentale questa Ultima Cena sembra un truculento dramma elisabettiano o un giallo di Agatha Christie, o... un capitolo del Codice da Vinci.

Nel 1997 Picknett e Prince pubblicano La rivelazione dei Templari (1997); questi stessi argomenti sono ripresi ed ampliati nel primo capitolo, intitolato, guarda caso, Il codice segreto di Leonardo da Vinci. Dan Brown pare aver preso dai libri di Picknett e Prince non solo l'ispirazione, ma perfino il titolo del suo romanzo.

Ai dipinti analizzati nel primo libro, gli scrittori aggiungono il cartone con La Vergine, il Bambino e Sant'Anna conservato alla National Gallery e si stupiscono della posa della Madonna, raffigurata mentre tiene in braccio il Bambino (che si sporge a benedire il piccolo cugino Giovanni) ma è a sua volta tenuta in braccio dalla propria madre. Anche qui rilevano un misterioso gesto col dito alzato verso il cielo e lo interpretano come una specie di avvertimento: "è possibile che la madre stia ricordando alla Vergine qualche segreto riguardo a Giovanni?".

Gli autori passano poi a trattare un altro quadro citato nel Codice: la versione conservata al Louvre de La Vergine delle Rocce.

Leonardo - La Vergine delle Rocce (Louvre, Parigi)

Dopo averne descritto il soggetto, l'incontro in Egitto tra i piccoli Gesù e Giovanni (tratto da un vangelo apocrifo) fanno notare la grande somiglianza tra i due bambini. Stranamente quello vicino all'angelo Uriel (il protettore di Giovanni) benedice l'altro, quello vicino alla Madonna, che identificano con Gesù. Anche qui ecco le mani disposte in complicati gesti dagli inquietanti significati: l'angelo indica Gesù ma allo stesso tempo distoglie lo sguardo dal bambino e si rivolge al pubblico, Maria tiene una mano che sembra l'artiglio di un rapace sopra la testa di Giovanni, esattamente al di sopra di quella dell'angelo. Immaginando una testa, la mano dell'angelo sembrerebbe di nuovo fare il gesto del taglio della gola, come fosse una premonizione della morte del profeta, e così via.

Nella successiva versione, quella conservata alla National Gallery, i particolari considerati eretici scompaiono: i due bambini hanno ora l'aureola, Giovanni diventa quello abbracciato dalla Madonna, la mano di Maria è meno minacciosa, l'angelo non punta più il dito... Pare quasi che questa seconda composizione sia stata espurgata dagli elementi che rendevano la prima una specie di rebus esoterico.

Leonardo - La Vergine delle Rocce (National Gallery, Londra)

Da tutti questi indizi, Picknett e Prince deducono che Leonardo conoscesse la verità sulla storia di Cristo, verità nascosta dalla Chiesa Cattolica ma nota a società segrete che ne avrebbero tramandato la memoria e la tradizione occulta. Tra queste il Priorato di Sion, di cui Leonardo sarebbe stato Gran Maestro. Può essere vero tutto questo? oppure si tratta di illazioni fantasiose utili solo a rafforzare le ipotesi di complotto, altrimenti senza alcuna base documentale, azzardate da scrittori che propongono romanzi di fantastoria camuffati da saggistica?

Proviamo dunque ad analizzare con attenzione l'Ultima Cena, partendo dai disegni preparatori che Leonardo, come tanti altri artisti, realizzò prima di mettere mano all'opera vera e propria. Da questi bozzetti notiamo prima di tutto che Leonardo aveva iniziato a disporre i personaggi in modo tradizionale, con Giuda al di qua del tavolo e nettamente separato dagli altri, mentre nell'opera finita l'apostolo traditore è ritratto assieme ai suoi compagni. Si pensa che questa decisione possa essere stata condizionata dai Domenicani (cui apparteneva il convento di Santa Maria delle Grazie) e in particolare dal priore Vincenzo Bandello, che con ogni probabilità ideò il programma iconografico. L'ordine religioso dava grande importanza al concetto di libero arbitrio, dunque Giuda non andava visto come un predestinato ab aeterno, isolato dagli altri, ma come un apostolo che potendo scegliere tra bene e male aveva scelto liberamente il male rinunciando perfino al perdono. (9) Non è un caso che, anche nella versione dell'Ultima Cena dipinta dal domenicano fra Angelico per il convento di San Marco, il traditore possieda l'aureola al pari degli altri apostoli. Inoltre appare non come una figura a parte, ma come partecipante al banchetto pasquale.

Leonardo - A sinistra: Disegno preparatorio per il braccio di Pietro (Royal Library, Windsor)
A destra: L'Ultima Cena, particolare del braccio di Pietro

La prima sorpresa legata ai misteri del Codice da Vinci arriva da uno schizzo, conservato alla Royal Library di Windsor, in cui è raffigurato uno studio per il braccio di Pietro. Vediamo che è piegato dietro la schiena, e in basso appare chiaramente l'abbozzo del polso e della mano. Accostando questo particolare al coltello misterioso dell'Ultima Cena possiamo renderci conto senza ombra di dubbio che è la mano di Pietro, appoggiata sull'anca, che impugna il coltello rivolgendolo all'indietro. Esistono numerosissime copie dell'Ultima Cena, non una sola come scrive Brown; alcune furono dipinte da allievi di Leonardo pochi anni dopo l'originale (10), e osservandole si vede molto bene che la mano che impugna il coltello è quella di Pietro. Il corpo dell'apostolo "presenta un avanzamento assai accentuato e inoltre una ulteriore complessità della posizione è dovuta alla torsione del braccio destro che impugna il coltello" (11). Se questo non bastasse possiamo confrontare il dipinto di Leonardo con le molte altre rappresentazioni dello stesso soggetto, realizzate da artisti rinascimentali come Domenico Ghirlandaio, Albrecht Dürer, Beato Angelico, Jacopo Bassano, Taddeo Gaddi, Andrea del Castagno, Franciabigio, Giotto... In tutte queste opere Pietro ha in mano il coltello, a ricordare il fatto che con quell'arma avrebbe poi tagliato l'orecchio a Malco, il servo del Sommo Sacerdote (Gv. 18,10). Nella versione italiana del vangelo di Giovanni leggiamo che Pietro sguainò una spada, ma nell'originale greco si parla di máchaira, parola che definisce più propriamente un lungo coltello dalla lama curva.

A destra: Domenico Ghirlandaio - Ultima Cena (particolare)
A sinistra: Jacopo Bassano - Ultima Cena (particolare)

A proposito del coltello e della figura di Giuda bisogna citare Il Segreto di Leonardo (12), un recente instant-book in cui Roberto Giacobbo, conduttore di tanti programmi televisivi dedicati ai misteri, sostiene che nell'Ultima Cena mancherebbe la figura di Giuda (!) e che proprio l'apostolo invisibile impugnerebbe l'arma misteriosa sospesa in aria. Secondo Giacobbo non si sarebbe potuto rappresentare il traditore senza infamare il modello che gli avesse prestato il volto, e per questo motivo l'artista ne avrebbe raffigurato solo la mano. Tralasciamo il fatto che un artista come Leonardo non aveva certo necessità di un modello per riuscire a riprodurre un viso umano... Giacobbo comunque non spiega chi sarebbe, se non Giuda, quell'apostolo rappresentato in ombra, scuro e barbuto, col viso girato che si vede appena, il gomito appoggiato sul tavolo e la mano destra che stringe un sacchetto. Giovanni? sarebbe un unicum in tutta la storia dell'arte mondiale. Giacobbo insiste, e scrive che se di Giuda si vede solo una mano volante e quello col capo reclinato e l'aspetto femmineo non è Giovanni, allora abbiamo un apostolo in più. Chi sarà mai dunque? Maddalena! "diranno subito i miei piccoli lettori. No, ragazzi, avete sbagliato", è troppo banale, chiunque trova maddalene in ogni angolo negli ultimi tempi. Secondo Giacobbo si tratterebbe invece della Madonna, cosa che spiegherebbe anche la famosa M che in tanti vedono nell'Ultima Cena.

Credo che le piroette interpretative mysteriche di questo autore, lo stesso che pochi anni fa sosteneva che la Piramide di Cheope fosse opera di extraterrestri venuti da Zeta Orionis (13), possano essere tranquillamente liquidate con una sola parola: falso. Giuda, oltre a comparire chiaramente in tutte le ultime cene, compresa quella di Leonardo, non è mai rappresentato con un coltello in mano. Gli oggetti raffigurati nei dipinti infatti non erano scelti arbitrariamente dall'artista, ma avevano un senso ed un significato ben precisi, coerenti con la consuetudine artistica dell'epoca. Il coltello caratterizza Pietro, mentre Giuda stringe spesso tra le mani il sacchetto con i trenta denari, proprio quello rivelato dai recenti restauri nella mano del Giuda dipinto da Leonardo.

Leonardo - L'Ultima Cena (particolare del viso di Giovanni)

Nel secondo gruppo di apostoli, assieme a Pietro e a Giuda, troviamo il personaggio che tanti autori di mistero identificano non con Giovanni ma con Maria Maddalena, senza spiegare però dove sarebbe finito l'apostolo prediletto. Per quanto si sforzino, però, c'è poco da fare: quello è proprio Giovanni e la conferma la troviamo nella scena evangelica in cui Pietro gli fa un cenno (e quindi non minaccia di tagliare la testa a qualcuno) e Giovanni si volta verso di lui per ascoltare la domanda. Leonardo in questo caso rispetta quasi alla lettera quanto si legge nel capitolo 13 del quarto vangelo: "Dette queste cose, Gesù si commosse profondamente e dichiarò: "In verità, in verità vi dico: uno di voi mi tradirà". I discepoli si guardarono gli uni gli altri, non sapendo di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece un cenno e gli disse: "Di', chi è colui a cui si riferisce?"". (Gv. 13,21)

Leonardo - L'Ultima Cena (gruppo con Giuda, Pietro, Giovanni)

Non si tratta quindi di Maddalena ma dell'apostolo più giovane, che gli artisti hanno sempre raffigurato come un ragazzo dall'aria efebica, spesso con i capelli lunghi, quasi sempre col capo reclinato o addirittura addormentato sul petto di Gesù, come nei dipinti di Andrea del Castagno, Domenico Ghirlandaio, Taddeo Gaddi, Jacopo Bassano, Beato Angelico, Duccio di Boninsegna, Valentin De Boulogne e moltissimi altri.

Andrea Del Castagno - L'Ultima Cena (particolare)

Nelle opere di Albrecht Dürer e Jean II Penicaud addirittura vediamo Gesù che tiene abbracciato il giovane apostolo, l'unico che, come hanno scritto tanti teologi, "ha potuto ascoltare il battito del cuore del Salvatore" perché, come raccontato in una frase successiva dello stesso vangelo, "egli reclinandosi così sul petto di Gesù, gli disse: "Signore, chi è?". Rispose allora Gesù: "È colui per il quale intingerò un boccone e glielo darò."" Per l'evangelista questo episodio era così importante da essere ricordato pure in un capitolo successivo: Pietro allora, voltatosi, vide che li seguiva quel discepolo che Gesù amava, quello che nella cena si era chinato sul suo petto e gli aveva domandato: "Signore, chi è che ti tradisce?"". (Gv. 21,20)

Per quanto riguarda l'aspetto, a quelli che trovano eccessivamente effeminato quel Giovanni nonostante i canoni dell'epoca fossero decisamente diversi da quelli attuali, consiglierei di osservare quello che compare vicino alla Maddalena piangente nella Crocifissione di Raffaello conservata alla National Gallery di Londra o nella Deposizione di Filippino Lippi (terminata dal Perugino) all'Accademia di Firenze. I tratti, la posa e perfino l'abito appaiono più femminei perfino rispetto a quello di Leonardo, segno che non dobbiamo lasciarci condizionare dagli usi e costumi attuali per commentare quelli di cinque secoli fa.

Raffaello - Crocifissione (particolare con Maddalena e Giovanni)

A chi poi volesse continuare a meravigliarsi per l'aspetto del Giovanni di Leonardo ricorderei che l'artista, assieme ad altri giovani fiorentini, venne accusato pubblicamente di sodomia nei confronti di un modello di diciassette anni. L'accusa fu lasciata cadere prima del processo, si dice a causa del fatto che nella vicenda fosse rimasto coinvolto un parente dei Medici. L'artista poi visse per lungo tempo coi suoi allievi prediletti, che lo seguirono pure in Francia: Gian Giacomo Caprotti detto "Salaì" e Francesco Melzi. Quest'ultimo in particolare, che rimase assieme al maestro fino alla sua morte, ne ricevette in eredità tutti i disegni e gli scritti. Anche per questa presunta omosessualità l'artista potrebbe aver accentuato i tratti femminei dell'apostolo Giovanni, che nel quarto vangelo è definito "quello che Gesù amava", così come poi farà in seguito dipingendo il conturbante ed androgino Battista nella tavola conservata al Louvre. In un disegno recentemente scoperto in Germania, ritroviamo quest'ultimo trasformato in un ambiguo Bacco, in evidentissimo stato di eccitazione sessuale.

In un altro gruppo di apostoli compare quello che secondo Picknett e Prince farebbe un gesto minaccioso verso Gesù, alzando un dito a poca distanza dal suo viso. Qualsiasi manualetto di storia dell'arte mostra che si tratta di Tommaso, ritratto vicino a Giacomo Maggiore e a Filippo. Infatti, come Giuda è contraddistinto dalla borsa con i denari e Pietro dal coltello, la tipica caratterizzazione di Tommaso in tante opere d'arte sacra è proprio il dito indagatore col quale, toccando la piaga sul costato, l'apostolo si renderà conto della avvenuta resurrezione di Gesù (Gv. 20,26-29). Ma quello, insistono in tanti, è lo stesso gesto misterioso tipico di tanti personaggi di Leonardo, quello che nel Codice da Vinci viene chiamato "il gesto di Giovanni", riconoscibile nel Battista, in Sant'Anna, in un anonimo personaggio dell'Adorazione dei Magi, fino allo stesso Leonardo ritratto da Raffaello nella Stanza della Segnatura in Vaticano. Un gesto che però è facilmente decodificabile se pensiamo che veniva usato nei conventi, durante le ore in cui vi era obbligo di silenzio e si poteva comunicare solo con pochi gesti, per indicare Dio: "Leva pollices et indices et fac triangulum, comprimens caeterod digitos" (14).

Leonardo - Giovanni Battista

Un particolare che secondo i cultori del mistero rivelerebbe significati eretici nascosti nell'Ultima cena è l'assenza della coppa del vino sulla tavola: "apart from a tiny token drop in the smallest imaginable glass on Leonardo's table, there's no wine" (tranne una minuscola goccia pro forma nel più piccolo bicchiere immaginabile sul tavolo di Leonardo, non c'è vino) scrivono i soliti Picknett e Prince. Si tratta di una affermazione visibilmente falsa: Leonardo infatti colloca un bicchiere contenente vino davanti ad ogni personaggio e Gesù aprendo le braccia indica alla sua destra proprio un bicchiere di vino. Tuttavia, l'episodio rappresentato da Leonardo non è quello dell'istituzione dell'Eucaristia, bensì quello del vangelo di Giovanni in cui Gesù rivela "Uno di voi mi tradirà" provocando lo scompiglio tra gli apostoli che si guardano l'un l'altro. Ma c'è di più: all'affermazione di Dan Brown secondo cui non c'erano calici nell'affresco, nessun Graal (...) Leonardo pare essersi dimenticato di dipingere la Coppa di Cristo" si può rispondere che in effetti è giusto così, perché secondo il vangelo di Giovanni non c'è alcun calice sul tavolo. Diversamente dagli altri tre vangeli, nel quarto in effetti non compare la scena che viene ricordata durante la Messa al momento della consacrazione: "Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: Bevetene tutti, perché questo è il mio sangue dell'alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati" (Mt. 26,27). Giovanni, dopo l'annuncio del tradimento, scrive così: "Vi dò un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri" (Gv. 13,34).

Se questo motivo non sembrasse abbastanza convincente possiamo allora soffermarci ad osservare la maggior parte delle Ultime Cene rinascimentali. Quasi sempre troviamo sul tavolo solo bicchieri di vetro, più o meno pieni come nella versione di Leonardo; il calice dalla classica forma attribuita al Graal è molto più raro, ed è più facilmente rintracciabile in area nordeuropea che in Italia. Talvolta sul tavolo non ci sono nemmeno bicchieri, ma solo piatti e pane (Andrea Del Sarto, Daniele Crespi).

Anche l'incompiuta Adorazione dei Magi non appare un quadro misterioso o eretico, soprattutto se lo si mette a confronto con la versione che, dopo la partenza di Leonardo per Milano nel 1482 e la rinuncia al completamento dell'opera, venne realizzata per gli stessi committenti da Filippino Lippi. Anche qui troviamo quasi nello stesso punto un personaggio che alza il dito verso l'alto, ma ci accorgiamo che indica la stella della Natività (il dipinto di Lippi, a differenza di quello di Leonardo, è stato portato a termine). Notiamo la stessa folla di personaggi che con espressioni stupite e meravigliate si affollano attorno alla sacra famiglia gesticolando, e compare pure un personaggio sulla destra che guarda verso l'esterno, nella stessa posa di quello di Leonardo, particolare che potrebbe derivare da una precisa richiesta della committenza. Personaggi in questa stessa posizione, che osservano verso l'esterno del dipinto, si trovano anche in altre opere; per rimanere in tema di adorazioni dei Magi possiamo ricordare quella di Botticelli, esposta agli Uffizi, dalla quale si dice che Leonardo abbia tratto lo schema compositivo. Solitamente si tratta dei committenti o dei mecenati ai quali gli artisti rendono omaggio. Si è scritto poi che nella versione di Leonardo mancherebbe l'offerta dell'oro da parte dei Magi, cosa che farebbe pensare ad una negazione della regalità di Cristo. Bisogna però chiedersi come sia possibile fare una simile affermazione basandosi solo su un quadro lasciato a livello di abbozzo, nel quale in certi punti si intravedono a malapena fisionomie e gesti dei personaggi.

La stessa negazione della centralità di Gesù, secondo questi autori di mistero, si troverebbe nella Vergine delle Rocce, conservata al Louvre ma dipinta in origine a Milano per la chiesa di San Francesco Grande.

Nel romanzo di Brown si dice che l'opera fu commissionata dalle monache della Confraternita dell'Immacolata Concezione, che imposero all'artista "le dimensioni, e il tema del quadro: la Vergine Maria, Giovanni il battista bambino, Uriel e il Bambin Gesù". Lo scrittore cita più volte queste monache, dicendo che inorridirono vedendo sull'altare il dipinto, che consideravano eretico. L'opera fu invece commissionata da una confraternita laica maschile, ed è falso anche che il soggetto richiesto fosse la scena con la Madonna, Gesù, Giovanni e l'angelo Uriel. Il contratto per un trittico, stipulato il 21 aprile 1483 tra la Confraternita e gli artisti Leonardo da Vinci e i fratelli Evangelista ed Ambrogio De Predis, richiedeva per il dipinto centrale uno sfondo di montagne e rocce, al centro la Madonna con un ricco abito di "broccato doro azurlo tramarino" e "con lo suo fiollo", Dio padre in alto, anche lui con la "vesta de sopra brocato doro", un gruppo di angeli alla "fogia grecha" e due profeti. Nelle due parti laterali i confratelli chiedevano quattro angeli per parte, "uno quadro che canteno et l'altro che soneno". Leonardo però modificò drasticamente il soggetto, eliminò Dio padre e aggiunse Giovanni Battista, e lasciò due soli angeli ad Ambrogio De Predis che li dipinse nelle ali laterali. Il fratello Evangelista si sarebbe occupato di rifinire l'ancona con cornici, capitelli e dorature. (15)

I confratelli di San Francesco Grande si videro presentare una tavola che non assomigliava per niente a quanto avevano voluto e prescritto e che, per giunta, risvegliava stupori inquieti nei fedeli che contemplavano, sul loro più caro altare, una composizione così misteriosa. I profeti, che nella tavola avrebbero dovuto avere la stessa funzione dei santi e dottori della Chiesa nella pala Sforzesca, sono qui scomparsi e così gli angeli e i musici che avrebbero dovuto far corona alla Madonna: quelli che il maestro ha lasciato al pennello di Ambrogio De Predis sono confinati nelle ali della pala (M. Brion, Leonard Da Vinci, 1959).

Spesso si è scritto che, proprio a causa dell'inadempienza contrattuale, la Confraternita contestò il dipinto considerandolo incompiuto. Studi più precisi, basati sui documenti d'archivio relativi alla controversia legale che oppose gli artisti ai committenti, hanno permesso di ipotizzare una vicenda diversa. Mentre la Confraternita riteneva l'opera incompleta, gli artisti sostenevano invece che dovesse essere pagata più della cifra pattuita inizialmente in quanto la realizzazione, soprattutto a causa della complessa ancona dorata e intagliata, sarebbe stata molto più laboriosa e dispendiosa. Leonardo e De Predis, con un atto che è stato datato attorno al 1493, chiedono un conguaglio di 100 ducati per il dipinto centrale ma se ne vedono offrire solo 25. Propongono allora che vengano nominati degli "esperti dell'Arte" che giudichino il lavoro oppure che i committenti "lasano ali dicti exponenti dicta nostra dona fata a olio" per la quale hanno già ricevuto diverse offerte di cento ducati "da persone quale hano voluto comprare dicta nostra dona". Questo lascia supporre che la prima versione della Vergine delle Rocce non sia mai arrivata alla cappella dell'Immacolata, ma sia rimasta nello studio degli artisti (16). La diatriba tra Leonardo e la Confraternita si trascinò così per molti anni e fu chiusa nel 1506 da una sentenza con cui l'opera (da intendersi come l'intera pala d'altare) è dichiarata ufficialmente "incompiuta". Leonardo è tenuto a portarla a termine entro due anni, ma gli viene riconosciuto un conguaglio di 200 lire (50 ducati) (17).

A questo punto effettivamente non si sa con precisione cosa possa essere successo, perché la pala venduta dopo la soppressione della Confraternita nel 1785 è quella che oggi è conservata alla National Gallery a Londra, non la versione del Louvre che fa scalpore nei best-seller esoterici. Molte ipotesi sono state proposte dagli storici dell'arte. Secondo le più accreditate la prima versione sarebbe stata venduta a qualcuno che durante la lunga disputa legale aveva fatto generose offerte d'acquisto, forse lo stesso duca Ludovico il Moro che l'avrebbe poi esposta nella cappella del palazzo ducale, e sarebbe poi caduta nelle mani dei francesi assieme a tutte le sue proprietà (18). L'artista, assieme ai collaboratori, ne avrebbe realizzata una nuova versione per accontentare la Confraternita, sempre senza i Profeti, ma con la Madonna più grande e maestosa, i due bambini un po' più riconoscibili (la veste di Giovanni ora si vede meglio) e soprattutto senza l'inconsueto gesto della mano dell'angelo. I classici attributi della iconografia tradizionale, come le aureole e il bastone con la croce del piccolo Giovanni, sarebbero stati aggiunti molti anni più tardi, probabilmente nei primi decenni del XVII secolo (19). Questa sarebbe la tavola oggi conservata oggi alla National Gallery (20).

Poi certo si può romanzare sulla ambiguità della versione del Louvre, come fanno Dan Brown e gli autori de La rivelazione dei Templari. Si interrogano su chi sia Gesù e chi il Battista, sostenendo che i bambini non sono ben caratterizzati, e rispondono identificando il Battista nel bambino di destra, quello che alza la mano benedicente con il gesto dell'angelo dell'Annunciazione dello stesso Leonardo, mentre "il figlio di Maria sta inginocchiandosi in segno di ossequio" verso chi gli è superiore. A ben guardare però i due bambini sono diversi e riconoscibili: come in molti altri dipinti in cui compaiono i due personaggi, Giovanni è più grande e indossa una veste che gli copre i fianchi, mentre Gesù è quello più piccolo e nudo, qui in primo piano vicino all'angelo.

C'è però chi insiste dicendo che allora i due bambini potrebbero raffigurare entrambi Gesù, secondo una visione gnostica che vorrebbe il Cristo dotato di due nature, una materiale ed una spirituale, oppure sospettano che Leonardo facesse parte di una setta che considerava Giovanni Battista, e non Gesù, il vero Messia. A prova di questo viene citata l'esistenza dei Mandei, che in effetti tengono in grande considerazione la figura storica di Giovanni Battista mentre tendono a separare il Cristo spirituale dal Gesù terreno, in una concezione del mondo improntata a un dualismo gnostico che contrappone l'anima al corpo. Ma i Mandei vivono in Asia, tra Iran e Iraq, dal III secolo, e non c'è prova che fossero conosciuti nell'Italia del Rinascimento (21). Secondo un'altra tradizione esoterica Giovanni avrebbe ricevuto l'insegnamento segreto di Gesù, trasmesso in seguito ad una Chiesa nascosta. Secondo questa concezione il cristianesimo ufficiale o essoterico non sarebbe altro che una volgarizzazione di quell'insegnamento primitivo, e accanto ad una Chiesa di Pietro (proprio allora pesantemente attaccata dal Savonarola) esisterebbe invisibile e sotterranea una più pura Chiesa di Giovanni. Idee simili sarebbero contenute in Apocalypsis Nova, opera attribuita a João da Silva e Menezes (che poi assume il nome di Amadeo), un francescano che tra il 1454 e il 1457 fu ospite della Confraternita milanese per la quale Leonardo dipinse la Vergine delle Rocce. Queste tesi sono proposte in un altro romanzo che sfrutta il successo del Codice da Vinci, La Cena Segreta, di Javier Serra (22). Qualcosa però non torna: il presunto trattato di fra Amadeo si è rivelato un apocrifo (23), e il Giovanni raffigurato nel dipinto è il Battista, mentre quello della presunta sotterranea "chiesa di Giovanni" è l'Evangelista.

All'Apocalypsis nova fa riferimento anche Piero Marani, che ricorda come Amadeo desse grande importanza a Maria e San Giovanni Battista come nuovi protagonisti della sua interpretazione dei testi sacri, e soprattutto Maria fosse vista come ripiena della perfezione e dotata del dono della "scienza totale" assimilata alla Sapienza, immagine della conoscenza universale. Secondo Marani Leonardo potrebbe aver posseduto questo scritto: nel Ms Madrid 8936, fol.3 recto, egli registra infatti un Libro dell'Amadio (24). Ma questo libro potrebbe essere con più probabilità riconducibile a Giovanni Antonio Amadeo (1447-1522), architetto che in diverse occasioni collaborò con Leonardo e che venne designato come "arbitro" nella disputa legale che vide l-artista contrapposto alla Confraternita dell-Immacolata.

Da quali fonti dunque Leonardo ha tratto il soggetto che a tanti commentatori pare così misterioso e denso di riferimenti ad eresie gnostiche?

La scena raffigura un episodio che non si trova nei testi canonici ma deriva dai vangeli apocrifi, all'epoca fonte molto utilizzata per l'elaborazione dei soggetti di arte sacra. I pittori, ma soprattutto i committenti che sceglievano i soggetti, mescolavano spesso racconti tratti da testi diversi, come ad esempio la Leggenda Aurea di Jacopo da Varazze, le Meditationes Vitae Christi di Giovanni De Cauli, o i molti vangeli apocrifi dell'infanzia. Le tante scene che raffigurano la Presentazione di Maria al Tempio o lo Sposalizio della Vergine dipinti da Giotto ad esempio derivano da racconti estranei ai vangeli di Marco, Matteo, Luca e Giovanni. La stessa presenza del bue e dell'asino, che pure vediamo in quasi tutte le natività, non è narrata dai quattro canonici ma dall'apocrifo Pseudo-Matteo, uno dei testi più diffusi e sfruttati come fonte di soggetti dagli artisti di quell'epoca. Quel vangelo però a sua volta deriva dal Protovangelo di Giacomo, conosciuto solo in lingua greca fino alla traduzione latina di Guillaume Postel della metà del sec. XVI.

Nel Protovangelo di Giacomo si legge che pure Elisabetta, la madre di Giovanni, seppe che Erode voleva uccidere tutti i bambini, così prese il figlio e fuggì su una montagna (25). Guardandosi attorno e non trovando un rifugio, invocò Dio e in quel momento "il monte si aprì in una cavità e l'accolse (...) e una luce vi traspariva per loro, perché presso di loro c'era un angelo del Signore che li custodiva." (26) Nella Natività di Maria e Gesù (o Libro dell'infanzia del Salvatore), secondo il Codice Arundel (A102), troviamo una scena successiva ambientata sulla montagna: "Giovanni si trovava con sua madre Elisabetta nel deserto, nella fessura del monte altissimo, e l'angelo di Dio li nutriva. Nel deserto, Giovanni si irrobustiva. Il suo cibo era poi costituito da locuste di campo e miele selvatico; il suo vestito era fatto di peli di cammello, e portava ai fianchi una cintura di pelle." In un altro racconto apocrifo, la Vita di Giovanni secondo Serapione (27), si assiste ad un incontro tra i due bambini. Gesù vede Giovanni in lacrime vicino alla madre Elisabetta morta dopo cinque anni di peregrinazioni tra montagne e deserti e gli dice di non disperarsi perché "io sono Gesù Cristo, tuo maestro. Io sono Gesù, tuo parente. Sono venuto da te con la mia madre diletta per preparare la sepoltura della benedetta Elisabetta tua madre felice. Ella è parente di mia madre. Quando il benedetto e santo Giovanni udì questo, si volse. Il signore Cristo e la sua vergine madre lo abbracciarono." Secondo questo racconto Gesù e la madre si fermano sette giorni; nel ripartire, vedendo che la madre piange per la solitudine del piccolo Giovanni, Gesù le dice che non deve preoccuparsi perché questo è il volere di Dio, e aggiunge "Qui c'è pure Gabriele, il capo degli angeli: gli ho dato l'incarico di proteggerlo e di elargirgli potere dal cielo. Io inoltre gli renderò l'acqua di questa sorgente dolce e deliziosa come il latte che succhiò dalla madre."

Un testo dell'inizio del Trecento che riprende ed elabora queste vicende tratte dagli apocrifi, e che come quelli fu utilizzato molto spesso come fonte di soggetti di arte sacra, è Meditationes Vitae Christi. Per lungo tempo venne attribuito a san Bonaventura ma la critica recente lo ha restituito al suo autore, il francescano Giovanni de Caulibus. Nel capitolo dedicato alla fuga in Egitto leggiamo che Gesù e Maria "incontrarono Giovanni Battista che già qui aveva cominciato a fare penitenza, pur non avendo alcun peccato. Si dice che il luogo del Giordano nel quale Giovanni battezzò è quello da dove passarono i figli d'Israele quando vennero dall'Egitto per detto deserto; e che presso quel luogo nello stesso deserto Giovanni fece penitenza. Da cui è possibile che il bimbo Gesù passando da lì nel suo ritorno trovò lui nel medesimo luogo." (28)

Ecco dunque che i personaggi raffigurati nel dipinto, i loro gesti e la bizzarra ambientazione con montagne, corsi d'acqua e caverne rocciose trovano una spiegazione, senza bisogno di scomodare complicate eresie gnostiche. Per finire possiamo ricordare che Giovanni Battista era il protettore, assieme a San Francesco, della Confraternita dell'Immacolata. La Confraternita quindi si riconosceva nella figura del Battista, inginocchiata davanti a Gesù, da lui benedetta e allo stesso tempo protetta dalla Vergine Maria (29).

Rimane lei, la star, la Gioconda: il quadro più riprodotto, citato, parodiato e commentato al mondo. Dan Brown in questo caso non si sbilancia molto, forse perché i libri da cui ha tratto tutti gli altri riferimenti leonardeschi se ne occupano meno rispetto alle altre opere. Qualche anagramma del nome che serve a dare il via a fantasiosi accostamenti esoterici con le divinità egizie, un accenno all'ipotesi secondo la quale la Gioconda sarebbe un autoritratto di Leonardo in vesti femminili, a conferma della fascinazione dell'artista per il mito dell'androgino e poco altro.

Leonardo - La Gioconda

In questo senso allora dobbiamo ammettere che è stato molto più eloquente Marcel Duchamp, l'artista dadaista che mise i baffi alla Gioconda e aggiunse sotto la figura una misteriosa sigla: L.H.O.O.Q. Di primo acchito si pensa ad uno sberleffo, tanto che, lette in francese una di seguito all'altra, le cinque lettere producono la frase: "Elle à chaud au cul", cioè "Lei ha caldo al culo", che pare essere un modo gergale di riferirsi agli omosessuali. Ma il critico d'arte Maurizio Calvesi, che interpreta molte opere di Duchamp come legate all'alchimia, sostiene che i baffi aggiunti starebbero per il disvelamento della natura androgina del soggetto. L'androgino, come unione del maschile e del femminile (e quindi dei contrari) è una figura simbolica ricorrente nei trattati alchemici, e in un trattato del Cinquecento (in particolare in una miniatura di Jean Perreal (30)) si troverebbe la spiegazione dell'enigmatica sigla. L'immagine raffigurerebbe la personificazione della Natura-Alchimia, in una posa simile a quella della Gioconda, che siede su un forno acceso che ha la forma di un tronco cavo; da qui l'allusione all'aver "caldo al sedere" (31).

Marcel Duchamp - L.H.O.O.Q.

Ma forse ci siamo allontanati troppo dal tema del Codice da Vinci, così per concludere vorrei citare brevemente un'altra deriva storico-artistica rilevata nel romanzo di Dan Brown. Nel Codice da Vinci si legge infatti che l'architettura della Temple Church di Londra, consacrata nel 1185, sarebbe "pagana da cima a fondo perché la chiesa è circolare. I templari hanno ignorato la tradizionale pianta a croce delle chiese cristiane e hanno costruito una chiesa perfettamente circolare per onorare il Sole [...] come se avessero ricostruito Stonehenge nel centro di Londra."

C'è da chiedersi dove si sia informato a proposito delle chiese a pianta circolare l'autore del giallo, che nelle note di copertina si dice abbia insegnato storia dell'arte. Oltre al Temple di Londra moltissime chiese templari, piccole, sobrie e spoglie, si ispiravano apertamente al Santo Sepolcro di Gerusalemme che ha proprio forma circolare. Nel libro Monaci in armi, dedicato all'architettura templare, c'è un capitolo sulle tante rotonde in cui si legge che "la rotonda ad ambulacro è forma ampiamente usata fin dall'alto medioevo per ricreare "copie" del Santo Sepolcro". Tra i tanti esempi ricordo il Santo Sepolcro di Pisa, quello di Bologna (inserito nel meraviglioso complesso di Santo Stefano), quello di Cambridge e, tra i più recenti, quello di Reggio Emilia progettato dal Vigarani alla metà del Seicento.

A parte le chiese dedicate al Santo Sepolcro, nella tradizione cristiana si incontrano moltissimi altri esempi di chiese di forma circolare, perfettamente canoniche e cristiane. Posso citare San Pietro in Montorio a Roma, la Rotonda di Umbertide, Santa Maria del Soccorso ad Albenga, San Giorgio a Scena, il Duomo Vecchio di Brescia... Ma si potrebbe continuare citando moltissimi altri casi, sia reali che solo esemplificativi come quelli che troviamo nei trattati di architettura del Serlio o nei disegni di Bramante, Antonio da Sangallo, Michelangelo o dello stesso Leonardo.

Come concludere questo excursus tra le "perle" del romanzo di Dan Brown? Forse solo con una raccomandazione ai lettori: facciamoci pure affascinare da trame gialle piene di colpi di scena, società segrete, personaggi misteriosi, codici cifrati, assassini mascherati nella più classica tradizione del feuilleton ottocentesco, ma ricordiamoci di tenere gli occhi aperti, senza credere a romanzieri e professionisti della moda new age che, quando ci accostiamo alle opere d'arte, vogliono farci intendere di trovarci di fronte a supplementi della Pagina della Sfinge della Settimana Enigmistica. (32)

1.Può darsi che questa aspettativa nei confronti delle opere di Leonardo derivi anche dalla scrittura bustrofedica, vista come una specie di linguaggio segreto anche nel Codice da Vinci, e dalla nota predilezione dell'artista per certi giochi di parole, o rebus, che si trovano in diversi manoscritti. Uno molto citato è quello che si compone di diverse note musicali: "l'amo-re-mi-fa-sol-la-ZA-re".

2.Marco Carminati, Leonardo da Vinci, La Gioconda, Silvana Editoriale, 2003, pag.41.

3.Ibidem, pag. 45.

4.Michael Baigent, Richard Leigh, Henry Lincoln, Il Santo Graal, Mondadori, Milano 1982.

5.Lynn Picknett and Clive Prince, Turin Shroud, In Whose Image? The truth behind the century-long conspiracy of silence, Harper Collins Publishers, New York 1994.

6.Lynn Picknett and Clive Prince, La rivelazione dei Templari, Sperling & Kupfer Editori, Milano 1997.

7.Umberto Eco, La bustina di Minerva, in "L'Espresso" del 23 agosto 2001, p. 166.

8.Vito Zani (a cura di), Leonardo, l'Ultima Cena, Electa, Milano 1999.

9.Enrica Crispino, Leonardo, Giunti, Firenze 2005, p. 66.

10.Tra le numerosissime copie dell'Ultima Cena di Leonardo ricordiamo quella attribuita a Francesco Melzi a Ponte Capriasca, quella attribuita a Marco d'Oggiono al Louvre, e poi quelle del Giampietrino, Solario, Amselmi, Araldi, Bonsignori.

11.Pinin Brambilla Barcilon - Pietro C. Marani, Leonardo, l'Ultima Cena, Electa, Milano 1999, pag. 318.

12.Roberto Giacobbo, Il segreto di Leonardo, Rai-Eri Rizzoli, Milano 2005.

13.Roberto Giacobbo, Riccardo Luna, Chi ha veramente costruito le Piramidi e la Sfinge, Stampa Alternativa, Roma 1997.

14.Domenico Laurenza, Il teatro delle passioni, in Leonardo, il cenacolo, a cura di Carlo Perdetti, Giunti, Firenze 1999.

15.Piero C. Marani, Leonardo, una carriera di pittore, F. Motta, Milano 1999, pag. 343-344.

16.Ibidem, pag. 136.

17.Angela Ottino Della Chiesa, Catalogo delle opere, in L'opera pittorica completa di Leonardo, Rizzoli, Milano 1967, pag. 94.

18.Wilhelm Suida, Leonardo e i leonardeschi, Neri Pozza Editore, Vicenza 2001, pag. 67.

19.Piero C. Marani, op.cit., pag. 139.

20.La vicenda risulta ancora più complicata, prima di tutto dall'esistenza di un'altra versione, già nella collezione Cheramy, che appare una via di mezzo tra le due più note ed è stata attribuita allo stesso Leonardo assieme agli allievi, e poi da esami radiografici eseguiti sulla versione di Londra che hanno rivelato sotto al dipinto un disegno preparatorio completamente diverso. Si intravede la figura della Madonna a braccia aperte e la testa reclinata come per guardare verso il basso verso il Bambino, dunque una Adorazione o una Natività. Diversi studi di Leonardo per un soggetto di questo tipo si trovano al Metropolitan Museum, uno in particolare (inv. 17.142.1), datato attorno al 1483, sembra l'esatta replica dell'abbozzo nascosto sotto la Vergine delle Rocce.

21.Kurt Rudolph, La religione Mandea, in Storia delle religioni, vol. 8. a cura di H. Puech, Laterza, Bari, 1977.

22.Javier Serra, La Cena Segreta, Tropea, Milano 2005.

23.Anna Morisi, Apocalypsis nova. Ricerche sull'origine e la formazione del testo dello pseudo-Amadeo. Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Roma, 1970.

24.Piero C. Marani, op.cit., pag. 138.

25.Nella regione montuosa di Ain Karim, dove l'ultimo racconto situa l'incontro dei bambini e dove si trova il santuario della Visitazione, sono venute alla luce memorie archeologiche che attestano la credenza secondo la quale Giovanni ed Elisabetta soggiornarono in quel luogo.

26.Protovangelo di Giacomo, 22,3. in I Vangeli apocrifi, a cura di Marcello Craveri, Einaudi, 1990.

27.Vita di Giovanni secondo Serapione, in Gli Apocrifi, a cura di Erich Weidinger, Piemme, Casale Monferrato, 1992, pp. 575-577.

28.Johannis de Caulibus, Meditaciones Vite Christi, olim S. Bonaventuro attribuitae, cura et studio M. Stallings-Taney, Turnhout, Belgique 1977, p. 59.

29.Frank Zöllner, Leonardo da Vinci, tutti i dipinti e disegni, Taschen, Koln 2003.

30.Jean Perreal, miniatura da La complainte de nature à l'alchimiste errant, 1516, Musée Marmottan, Paris.

31.Maurizio Calvesi, Duchamp invisibile. La costruzione del simbolo, Officina, Roma 1975. Maurizio Calvesi, Arte e Alchimia, Giunti, Firenze 1986.

32.Tratto da AA.VV. Dietro il Codice da Vinci, Quaderni del CICAP, n.7.

© 2016 Mariano Tomatis Antoniono