GUIDA

AVANTI »

LA VENDITA DELLE MESSE (1892)

Oltre allo stipendio dispensato dallo Stato, i sacerdoti avevano altre due fonti di guadagno: la richiesta di doni da parte dei fedeli e la vendita delle messe di suffragio. Queste ultime non potevano essere offerte direttamente ai parrocchiani, ma dovevano essere sollecitate dal segretariato del vescovo, che le spartiva equamente. Come recitavano le istruzioni date ai sacerdoti dal vescovo Billard nel 1886:

SUGLI ONORARI DELLE MESSE - I signori sacerdoti, coloro che richiedono offerte e gli altri preti della diocesi che non riuscissero a celebrare, nel tempo prescritto, tutte le messe loro richieste, sono invitati a depositare queste intenzioni, insieme ai loro onorari, al Segretariato del Vescovo, che avrà l'incarico di distribuirle ai sacerdoti della diocesi che non ne hanno (1).

A Saunière, però, non dovevano piacere troppo i criteri seguiti dal segretariato per distribuire le richieste; ritenendo che quest'organo favorisse certi preti a danno di altri, decide infatti di organizzarsi da solo. In un questionario che invierà al suo avvocato nel 1910, il parroco racconterà che al suo arrivo a Rennes c'era grande penuria di richieste, per cui si era rivolto, insieme ad altri parroci della zona, al segretariato vescovile:

Questi signori, dopo aver soddisfatto le nostre richieste per due o tre volte, cominciarono a congedarci gentilmente, dicendoci che non ne avevano più. Anche dopo qualche richiesta successiva non ottenemmo nulla. Il segretariato non aveva più messe per noi. In realtà ne aveva, noi lo sapevamo e ne avevamo la prova; ma gli onorari di quelle messe non erano destinati a noi, poveri curati di campagna. Stanchi di insistere, abbiamo cominciato a rivolgerci a qualche comunità religiosa di cui qualche sacerdote più caritatevole ci aveva fornito l'indirizzo e, in effetti, gli onorari delle messe non tardarono ad arrivare, ed arrivarono in gran numero (2).

Nel corso del 1892 il guadagno proveniente dalle vendite ammonta a 955 franchi, a fronte di 747 messe, da cui si può calcolare una tariffa media di 1,2 franchi (3).

Il numero di celebrazioni, pur non eccessivo, è superiore a quello consentito dal codice di diritto canonico, che prevede un massimo di una messa al giorno nei giorni feriali e tre nei festivi, per un totale di circa 450 messe all'anno (4). Sui suoi quaderni, Saunière annota con cura la data di ricezione del denaro, il nome del richiedente e la data in cui celebra ogni messa.

1.Cit. in Jacques Rivière, Le fabuleux trésor de Rennes-le-Château, Bélisane, 1983, p.127

2.Claire Corbu, Antoine Captier, L'héritage de l'Abbé Saunière, Nice: Bélisane, 1995, p.181

3.Jean-Jacques Bedu, Rennes-le-Château, autopsie d'un mythe, Portet-sur-Garonne: Loubatières, 2002, p.126.

4.Codice di Diritto Canonico, c.905 §1-2

 

INDICE DELLA GUIDA

1. Dal Neolitico all'Età del Ferro

2. Iberici, Volci Tectosagi o Rèdoni?

3. I Celti e il cromleck di Rennes-les-Bains

4. La conquista romana

5. L'enigma della tomba del Grand Romain

6. Il tempio romano di Alet-les-Bains

7. La testa del Salvatore

8. La nascita della Settimania

9. Le poche vestigia del villaggio visigoto

10. Ipotesi sulla Rhedæ visigota

11. La dinastia Merovingia

12. Vita di Dagoberto II

13. Ci fu un Sigeberto IV?

14. Dagli Arabi ai Franchi: nascita della contea del Razès

15. Fondazione della cappella di Santa Maria

16. Consacrazione della cappella di Santa Maria

17. L'attacco aragonese e la crociata contro gli Albigesi

18. La ricostruzione del castello e di una seconda chiesa

19. L'ampliamento della chiesa di Santa Maria e la nuova dedica

20. La peste e l'attacco aragonese

21. L'unione con i d'Hautpoul e le guerre di religione

22. La cripta dei Signori d'Hautpoul

23. Il testamento "da leggere"

24. La morte di Marie de Négre e la fuga di Antoine Bigou

25. I restauri più urgenti e le due ispezioni

26. La nascita di Saunière e la visita di De la Bouillerie

27. Il "Secondo Impero" e la visita di Monsignor Leuillieux

28. La nuova sacrestia (1881-1883)

29. L'ispezione del Vicario Generale

30. L'arrivo di Saunière a Rennes-le-Château (1885)

31. Le elezioni legislative e l'esilio a Narbonne (1885-1886)

32. Il dono della contessa di Chambord (1886)

33. La ripavimentazione (1887)

34. La sostituzione delle vetrate (1887)

35. Il nuovo altare e il bassorilievo della Maddalena (1887)

36. Il primo ritrovamento (1887)

37. La Dalle des Chevaliers e il secondo altare (1887)

38. Il gruzzolo sotto l'altare della Vergine (1887)

39. Gli ultimi lavori prima della visita vescovile (1887)

40. La visita di monsignor Billard (1889)

41. La vecchia zia e la famiglia Dénarnaud (1889)

42. Il servizio ad Antugnac (1890)

43. Lo stratagemma degli scavi (1891)

44. La Madonna di Lourdes (1891)

45. Il pellegrinaggio a Puivert (1891)

46. La scoperta del sepolcro (1891)

47. Il secret di Saunière e il secret di Cros

48. La morte di Boulanger e i primi lavori nel cimitero (1891)

49. Il nuovo pulpito (1891)

50. Il bassorilievo all'ingresso della chiesa (1891)

51. La grotta di Lourdes (1891-1892)

52. Gli screzi con Alexandrine Marre Dénarnaud (1892)

53. I viaggi e le lettere prefirmate (1892)

54. La vendita delle messe (1892)

55. Il confessionale e la leggenda di Ignace Paris (1893)

56. L'inizio del traffico di messe (1893-1894)

57. I lavori nel giardino (1894)

58. I lavori nel cimitero (1895)

59. L'incendio nel giorno della Festa Nazionale (1895)

60. La contabilità del gennaio 1896

61. I lavori nel presbiterio (1896)

62. Il contratto con Giscard di Toulouse (1896)

63. I lavori nella chiesa e sulla piazzetta (1897)

64. Le decorazioni della chiesa (1897)

65. Il bassorilievo "Venez tous à moi" (1897)

66. Il demone e l'acquasantiera (1897)

67. La Via Crucis (1897)

68. Il fonte battesimale (1897)

69. Le statue e il GRAAL (1897)

70. La visita del vescovo Billard (1897)

71. Il calvario (1897)

72. La stanzetta segreta (1897)

73. Gli ultimi acquisti (1897-1898)

74. Un resoconto delle spese (1885-1898)

75. I conflitti con la famiglia (1897)

76. I viaggi a Lione e i presunti interessi per la fotografia (1897)

77. Il Personnat rifiutato (1899)

78. La concessione perpetua nel cimitero (1900)

79. Il grande progetto di Saunière

80. I lavori di costruzione (1899-1906)

81. La Tour Magdala

82. Villa Bethania

83. Il gruppo di lavoro

84. Un resoconto delle spese

85. I richiami di monsignor Billard (1901)

86. L'andamento economico

87. I richiami di monsignor Beuvain de Beauséjour (1903-1904)

88. La morte di Alfred Saunière (1905)

89. La legge di separazione tra Stato e Chiesa (1905)

90. La prima visita della S.E.S.A. (1905)

91. La lettera di Mathilde (1906)

92. Il primo testamento (1906)

93. Altri lavori di decorazione (1906-1908)

94. La seconda visita della S.E.S.A. (1908)

95. Il trasferimento a Coustouge e le dimissioni (1909)

96. La prima convocazione dal Vescovo (1909)

97. La nomina di don Marty e la violazione del divieto (1909)

98. Le due citazioni in tribunale (1910)

99. La condanna in contumacia e l'annullamento (1910)

100. Il questionario (1910)

101. Il memoriale (1910)

102. Il testo di difesa (1910)

103. La condanna (1910)

104. I tentativi di ricorso (1910-1911)

105. Il resoconto contabile (1911)

106. L'analisi della Commissione Saglio (1911)

107. La richiesta di chiarimenti (1911)

108. La relazione della Commissione Saglio (1911)

109. La sentenza definitiva (1911)

110. L'ultimo testamento (1912)

111. Richieste di prestito e spese varie (1913)

112. Lo strano chiosco (1914)

113. La Prima Guerra Mondiale (1915)

114. La morte di Saunière (1917)

Questa guida rappresenta la più vasta ricostruzione storico-documentaria ad oggi realizzata sull'enigma di Bérenger Saunière.

E' oggi considerata il punto di riferimento più serio e approfondito sulla storia di Rennes-le-Château.

© 2018 Mariano Tomatis Antoniono